Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
cronaca

CESENATICO: Morte Fiaschini, i genitori atterrati in Australia per il riconoscimento | VIDEO


Sono ancora da stabilire con certezza le cause della morte di Mattia Fiaschini, il 24enne di Cesenatico scomparso per 4 giorni in Australia e il cui corpo è stato ritrovato ieri mattina. Nel frattempo i genitori, partiti dall’Italia, stanno arrivando ora sul posto per l’identificazione.

Sarà il medico legale a stabilire l’esatta dinamica della morte di Mattia Fiaschini anche se tutto fa pensare a una tragica fatalità. Il 24enne di Cesenatico è stato trovato senza vita domenica mattina dopo 4 giorni di ricerche. “Il corpo dell’escursionista italiano scomparso è stato trovato oggi nelle Blue Mountain”. Questo il messaggio pubblicato dalla polizia australiana che ha immediatamente allertato le forze dell’ordine locali. Poco dopo una pattuglia della polizia è andata ad avvisare il padre del ragazzo, residente a Cesenatico, e poi la madre, a Cesena. Entrambi stanno atterrando in questo momento in Australia e tra poche ore avranno il compito di identificare il cadavere del figlio. Mattia Fiaschini, nonostante la giovane età, era un escursionista esperto. Viveva in Australia da circa due anni e lavorava in un pub a pochi chilometri da Sydney. Ed è stato proprio dal suo locale che è stato lanciato il primo allarme, giovedì mattina, quando il giovane non si è presentato al lavoro. Da lì quattro giorni di ricerche fino al tragico ritrovamento. Fiaschini si era recato da solo nelle Blue Mountain per un’escursione. Un paradiso naturale, che si trova a ovest di Sidney, caratterizzato da foreste e da ripide scogliere. L’ipotesi principale è che il giovane romagnolo abbia perso l’equilibro mentre si trovava in una zona particolarmente impervia precipitando nel vuoto. “Tra poche ore lo rivedremo – ha scritto il padre mentre si trovava in viaggio per raggiungerlo – poi andremo a casa. I tuoi fratelli, i familiari e tutti i tuoi amici ti stanno aspettando”. Nel frattempo la città di Cesenatico si è stretta intorno alla famiglia, il primo a portare le condoglianze è stato il sindaco Matteo Gozzoli  mentre domenica pomeriggio i giocatori della Del Duca Ribelle, squadra di calcio nella quale milita il fratello di Mattia, hanno osservato un minuto di silenzio.