Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
EGITTO: Zaky resta in carcere, prossima udienza il 7 ottobre
cronaca

EGITTO: Zaky resta in carcere, prossima udienza il 7 ottobre


Patrick Zaky, lo studente egiziano dell'Università di Bologna in carcere in Egitto da febbraio, rimane in carcere: nella nuova udienza del processo che si è tenuta ieri in Egitto, alla quale il giovane non era presente, si è deciso un nuovo rinvio, al 7 ottobre. Lo riferisce Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, che ha sentito uno dei legali del giovane, Hoda Nasrallah e anche gli attivisti di Egyptian Initiative for Personal Rights. Zaky, che è accusato di sovversione, non era presente in aula mentre si decideva il prolungamento della sua custodia cautelare. "Chiediamo con forza che Zaky possa essere presente in aula, il prossimo 7 ottobre, per potersi difendere insieme ai suoi avvocati", aggiunge Noury.

Il governo rimetta nell'agenda della politica il nome di Patrick Zaky, lo studente egiziano dell'Università di Bologna in carcere in Egitto da febbraio e che da allora rimane in carcere. E' l'appello di Amnesty International Italia, nel giorno in cui si è saputo che lo studente egiziano, che frequentava un Master in Italia, dovrà rimanere in carcere almeno ancora fino al 7 ottobre.      "Il governo deve usare questi giorni per rimettere il nome di Patrick sull'agenda: complice l'estate quel nome è scomparso", dice Riccardo Noury, il portavoce dell'ong.     Zaky non era presente nell'udienza che si è svolta ieri e che si è conclusa con un nulla di fatto, visto che il giovane rimane in carcere. "Non era presente per ragioni di sicurezza. Mi auguro - aggiunge Noury- che il 7 ottobre sia garantita la sua presenza perchè si possa difendere insieme ai suoi avvocati".