Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
cronaca

RAVENNA: Processo Cagnoni, si riparte lunedì, dura la requisitoria dei pm | VIDEO

  • Di:
  • 1416 visualizzazioni

«In questa storia, ogni elemento conduce a Cagnoni», il dermatologo ravennate di 52 anni accusato di aver freddato a bastonate la moglie Giulia Ballestri in quella maledetta notte del 16 settembre. Lo ha detto il pubblico ministero Cristina D'Aniello nella sua requisitoria, a porte chiuse, al tribunale di Ravenna nel pomeriggio di giovedì 22. Il pm ha anche parlato di «mattanza  e azione omicidiaria violenta» consumata nella villetta di famiglia disabitata, scena perfetta per un crimine tanto efferato. «Un omicidio premeditato, ma anche annunciato. Si sapeva che Giulia Ballestri aveva paura e che lui «non riusciva ad accettare la separazione per un altro uomo» dice la pm. La procura di Ravenna punta inquivocabilmente il dito contro il marito, unico sospettato. Presente alla requisitoria, giacca blu e camicia bianca, l'imputato è da 9 mesi in carcere.

Il processo non è indiziario, ma 'probatorio', ha detto il procuratore Alessandro Mancini, che giudica illogiche, paradossali, surreali e incredibili le dichiarazioni lasciate da Cagnoni al pm di Firenze, dove era stato fermato nella mattinata del 19 settembre. Il Gup Antonella Guidomei ha ammesso la costituzione di parte civile il Comune di Ravenna, è la prima volta che accade, attraverso l'avvocato Enrico Baldrati. Poi ci sono anche le associazioni Udi-unione donne italiane, e Linea Rosa. Con loro anche i genitori della vittima e il fratello per conto per conto dei tre figli che la defunta ha avuto con il marito (sono seguiti dall'avvocato Giovanni Scudellari).

Si tornerà in aula lunedì 26 e la parola passa alla difesa degli avvocati Giovanni Trombini e Francesco Dalaiti. Metteranno in discussione le prove addotte dall'accusa e indicheranno la strada da seguire, Corte di Assise o procedimento abbreviato, che, in caso di condanna, potrebbe fruttare uno sconto sulla pena. Anche se, fino ad ora, Cagnoni si è sempre proclamato innocente e si attende un lungo processo in Assise.