Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
RIMINI: Asilo no vax, Tar conferma la sospensione
cronaca

RIMINI: Asilo no vax, Tar conferma la sospensione


Si presentava come un’associazione dilettantistica sportiva, ma di fatto offriva servizi educativi per l’infanzia in violazione delle norme regionali. Un vero e proprio asilo, la cui attività è stata sospesa nel febbraio scorso dall’amministrazione comunale di Rimini e ora il Tar della Regione Emilia-Romagna ha rigettato il ricorso presentato dal gestore, confermando il provvedimento di sospensione.

La vicenda venne ripresa all’epoca dai media locali, perché il finto asilo non avrebbe richiesto l’obbligo vaccinale ai bambini e dunque sarebbe stato frequentato in particolare da famiglie no-vax. I controlli della polizia locale avevano accertato come l’attività condotta nella struttura non rientrasse nei parametri dei servizi ludico-ricreativi, ma avesse tutte le caratteristiche del servizio per la prima infanzia, ovvero il servizio tutti i giorni della settimana dalle 8 alle 14,30, con tanto di consumazione del pasto e retta mensile. La sentenza del Tar sottolinea che “la ricostruzione della fattispecie da parte del Comune sia corretta”. L’assessore comunale ai servizi educativi, Mattia Morolli, ha dichiarato però che vi è “la volontà da parte dell’amministrazione comunale di accompagnare il gestore nel percorso di regolarizzazione. Non c’è alcun intento vessatorio nei confronti dell’associazione”.