Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
cronaca

RIMINI: Cadavere di un ragazzo trovato a Santarcangelo dai vigili del fuoco | VIDEO

  • Di:
  • 6544 visualizzazioni

Era originario del Mali ed aveva 38 anni Fanse Diarra, il bracciante agricolo ucciso dalle esalazioni di monossido di carbonio provenienti da un braciere. La tragedia è accaduta a Giola di Santarcangelo, nel riminese, dove i conoscenti della vittima, che non avevano sue notizie da alcuni giorni, hanno allertato i carabinieri. L’uomo non rispondeva al telefono e al campanello così sono stati chiamati i vigili del fuoco che hanno sfondato la porta dell’abitazione e una volta entrati hanno trovato il corpo senza vita del 38enne in camera da letto, a pochi metri dal braciere utilizzato per scaldare la stanza. Inutile l’intervento del personale del 118 che ne ha soltanto potuto constatare il decesso. La morte, in base alla prima ispezione cadaverica, sarebbe avvenuta nel sonno, nella notte tra venerdì e sabato. Il killer silenzioso, inodore e incolore, sarebbe stato sprigionato dal braciere utilizzato dall’uomo per scaldare l’ambiente in cui dormiva e l’autopsia, disposta dall’autorità giudiziaria, potrà stabile con esattezza la causa del decesso, anche se non vi sarebbero dubbi sull’accaduto