Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

economia


EMILIA-ROMAGNA: Crescono gli affitti turistici, a Rimini il tasso maggiore | VIDEO Economia

EMILIA-ROMAGNA: Crescono gli affitti turistici, a Rimini il tasso maggiore | VIDEO

Vivere una piena esperienza del territorio a partire dal pernottamento, oltre a risparmiare. È ciò che spinge molte persone a viaggiare affittando per qualche giorno la dimora di abitanti del luogo di destinazione attraverso portali online. In Emilia-Romagna i numeri di questo fenomeno sono in crescita, come dimostra lo studio appena pubblicato dal Sole24Ore. 12.700 gli annunci pubblicati in tutta la Regione sulla piattaforma Airbnb. Il numero maggiore rientra nel capoluogo dove sono oltre cinquemila, ma è la provincia di Rimini ad avere il più alto tasso di inserzioni in rapporto alla popolazione: 13 ogni 1.000 abitanti. In Italia la sola Airbnb ha raggiunto un numero di posti letto pari a quasi la metà di quelli forniti dalle strutture ricettive, oltre due milioni. Per questo alcune città hanno iniziato a regolamentare il settore, come ha fatto Rimini dove ora tutti gli host sono obbligati a versare la tassa di soggiorno e a registrarsi a un portale telematico del Comune, pena una sanzione di 500 euro. “All’interno di una cornice di regole chiare, Airbnb e simili possono dare un’ulteriore spinta alla crescita del potenziale turistico del nostro entroterra”, ha commentato l’assessore al Bilancio del Comune di Rimini Andrea Brasini. Metà degli annunci della sua provincia infatti riguarda abitazioni al di fuori del capoluogo. Nella provincia di Forlì-Cesena, gli annunci sono 880, in quella di Ravenna 1.313.


EMILIA-ROMAGNA: Pil in rallentamento ma ancora in crescita | VIDEO Economia

EMILIA-ROMAGNA: Pil in rallentamento ma ancora in crescita | VIDEO

Un leggero rallentamento del Pil, ma prosegue la crescita dell’Emilia-Romagna che, nel 2019, dovrebbe attestarti allo 0,6 per cento e riprendersi solo parzialmente nel 2020 quando si stima uno +0,9 per cento. E’ quanto divulgato dall’edizione di luglio degli Scenari per le economie locali di Prometeia, analizzati da Unioncamere Emilia-Romagna. La tendenza regionale si conferma leggermente migliore rispetto a quella nazionale (+0,1 per cento nel 2019 e +0,5 nel 2020). Nonostante il calo, l’Emilia-Romagna si prospetta comunque al vertice tra le regioni italiane per capacità di crescita insieme alla Lombardia. Per il 2019, il rallentamento regionale verrà soprattutto dalla forte frenata degli investimenti e da una crescita dimezzata dei consumi a fronte di una accelerazione delle esportazioni. Rispetto al 2018, la ripresa resta diffusa in tutti i settori, rallenta sensibilmente nell’industria (+1,0 per cento nel 2019 e +1,2 nel 2020), i servizi (+0,2 per cento nel 2019 e +0,7 nel 2020), mentre accelera nelle costruzioni (+3,9 per cento nel 2019 e +3,0 nel 2020).  Aumentano lentamente le forze di lavoro, la crescita degli occupati continua a superare quella delle forze di lavoro. Si innalzano il tasso di attività e il tasso di occupazione. Prosegue graduale la discesa del tasso di disoccupazione, al 5,6 per cento nel 2019 e al 5,3 per cento nel 2020.


EMILIA-ROMAGNA: Invasi, maxi piano da 215 milioni per l’agricoltura | VIDEO Economia

EMILIA-ROMAGNA: Invasi, maxi piano da 215 milioni per l’agricoltura | VIDEO

Parliamo di agricoltura. La regione Emilia-Romagna ha presentato le ultime novità a sostegno del comparto. Un piano da 215 milioni di euro con 42 progetti. È questa in estrema sintesi la novità che la regione Emilia-Romagna ha presentato per il comparto agricolo, in particolare per gli invasi di raccolta d’acqua e il potenziamento degli impianti e delle casse di espansione. Il piano, il più corposo mai presentato secondo viale Aldo Moro, nel giro di pochi anni permetterà di aumentare la superficie irrigua di circa 167mila ettari.  


CESENA: Trevi, cda approva bilanci 2017 e 2018 e cessione dell’oil&gas | VIDEO Economia

CESENA: Trevi, cda approva bilanci 2017 e 2018 e cessione dell’oil&gas | VIDEO

Nuovo capitolo della travagliata storia di Trevi, il colosso romagnolo leader nell’ingegneria del sottosuolo. Il consiglio d’amministrazione ha approvato i bilanci relativi agli esercizi 2017 e 2018, sul presupposto della continuità aziendale. Il cda si è riunito a pochi giorni dalla bufera che ha coinvolto la società: a inizio luglio la holding della famiglia Trevisani ha infatti chiesto la revoca del consiglio di amministrazione e la contestuale nomina dei nuovi amministratori. Una mossa che non è piaciuta alla maggioranza del cda, che ha spiegato come la richiesta fosse infondata e idonea a pregiudicare il buon esito della manovra di risanamento. Risanamento necessario anche alla luce degli ultimi bilanci: il 2017 si è chiuso con una perdita di 432,8 milioni e un indebitamento netto di 619,8 milioni mentre l'anno scorso il rosso si è ridotto a 143,4 milioni e l'indebitamento è salito a 692,6 milioni. A fine dicembre 2018 il patrimonio netto risultava negativo per 148,1 milioni. Il consiglio ha convocato per settembre l'assemblea per l'approvazione dei conti e per rinnovare, come sollecitato dall'azionista, lo stesso board in scadenza. All'unanimità il cda ha inoltre confermato la vendita delle società della divisione oil&gas al gruppo indiano Megha. Il consiglio si riunirà di nuovo in questi giorni per approvare la manovra di rafforzamento patrimoniale e di ristrutturazione dell'indebitamento.


RIMINI: Fiera, ricavi in forte crescita per Ieg Economia

RIMINI: Fiera, ricavi in forte crescita per Ieg

Italian Exhibition Group, la società che gestisce le fiere di Rimini e Vicenza, chiude il primo semestre 2019 con numeri positivi, in crescita sull'anno scorso. Al 30 giugno 2019 i ricavi consolidati di IEG si attestano a circa 100 milioni di euro (dato provvisorio) in incremento rispetto ai 77,3 milioni del primo semestre 2018. Questo dato si aggiunge alla crescita dei ricavi pari 22,2% registrata a fine 2018.


Notizie recenti