Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
economia

EMILIA-ROMAGNA: Pesche a 30cent/kg. Gli agricoltori protestano

  • Di:
  • 600 visualizzazioni

Non sarà proprio un crollo, ma poco ci manca, per quanto riguarda i prezzi di albicocche e pesche, solo in parte spiegabile con una abbondante offerta sui mercati di prodotti esteri e nazionali. La denuncia parte dalla confederazione italiana agricoltori. Le quotazioni di questi giorni, in effetti, sono di 30 centesimi al chilo circa per le pesche e 40-45 centesimi per le albicocche. Ognuno di noi può confrontare questi prezzi offerti a chi la frutta la produce con quelli alla vendita al dettaglio per toccare con mano le storture del mercato. Un vero peccato, sottolinea la cia, vista l’ottima qualità dei prodotti emiliano romagnoli e la voglia di consumare frutta fresca di stagione che, dai primi dati, farebbero aumentare le vendite di un 6%.  Serve un organismo interprofessionale che fissi regole per la produzione e la vendita, chiede l'associazione dei produttori agricoli, per una più equa ripartizione del reddito lungo la catena alimentare. Ma non si è mai trovata comunità d’intenti, per motivi comprensibili dal punto di vista degli interessi economici di qualche parte, insopportabili se si vuol veramente costruire una filiera forte e di qualità. Agli agricoltori italiani si chiede di produrre bene, con i livelli di sostenibilità ambientale e sicurezza alimentare più alti d’Europa, con le ulteriori certificazioni etiche recentemente introdotte. Poi, conclude cia, basta qualche punto percentuale in più di offerta rispetto alla domanda perché chi acquista per immettere sui banchi della spesa non si faccia scrupolo di far valere la propria posizione dominante.