Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
MILANO: Conad su Auchan, “Crisi grave, servono misure straordinarie”
economia

MILANO: Conad su Auchan, “Crisi grave, servono misure straordinarie”

  • Di:
  • 305 visualizzazioni

La rete dei supermercati Auchan in Italia versa in una situazione di "grave crisi" che può essere superata "solo con interventi organizzativi e di business a carattere straordinario, efficaci e tempestivi". Lo afferma in una nota Conad, dopo aver presentato al Mise l'aggiornamento del piano industriale per il "salvataggio" di Auchan. Conad ricorda che la rete italiana del gruppo francese ha perso oltre 800 milioni nell'ultimo triennio, rosso che sale a 1,1 miliardi se si considera la sola 'gestione caratteristica'. "Nel 2019 la situazione è peggiorata ulteriormente", sottolinea Conad, con un calo del "6,7% dei ricavi rispetto al progressivo di settembre 2018" al punto che "oggi la rete Auchan fa registrare perdite di esercizio per 1,1 milioni al giorno". Per mettere in sicurezza e integrare la rete Auchan in quella di Conad sono previsti 170 milioni di euro di investimenti e il ricorso a soli strumenti ordinari di gestione di crisi aziendali. Della rete Auchan solo il 60% entrerà a far parte di Conad mentre la rimanente parte passerà presso "altri primari operatori del settore". Il tutto da realizzare entro la metà del 2020. Non sarebbero tutti salvi i 16mila lavoratori ex Auchan e Sma (circa 500 in provincia di Bergamo) dopo l'acquisizione da parte del gruppo Conad: sarebbe questa la novità - rimasta vaga nei numeri - emersa mercoledì nel confronto tra sindacati e rappresentanti di Conad al ministero dello sviluppo economico, secondo Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil, nel giorno della mobilitazione in tutti i negozi di Auchan e Sma, nonché in tutti i punti vendita già oggetto di passaggio di ramo d'azienda verso Conad. "Questa mattina al Ministero - si legge in una nota - i sindacati hanno appreso che oltre ai 109 punti vendita e ipermercati già dichiarati come acquisizioni da parte della catena di supermercati, ce ne saranno altri 45 che passeranno a Conad nei prossimi mesi". Sono circa 16.000, viene ricordato, i lavoratori interessati dalla cessione (scesi dai 18.000 iniziali. I 2.000 restanti saranno acquisiti da un altro gruppo in Sicilia).