Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
economia

ROMAGNA: Imprese, la pandemia spinge giù valore aggiunto ed export | VIDEO

  • Di:
  • 210 visualizzazioni

Nei mesi estivi c’è stato un recupero e si stima una ripresa per il 2021, ma la seconda ondata della pandemia rischia di compromettere questi risultati. L’analisi dei dati di Prometeia elaborata dalla Camera di Commercio per l’area Romagna, che comprende Forlì-Cesena e Rimini, rileva dati economici negativi per questo 2020 funestato dal coronavirus. Ferme restando le condizioni attuali, lo scenario di ottobre ridimensiona leggermente la gravità delle perdite rispetto a luglio, ma i numeri parlano di un forte calo del valore aggiunto, che per l’intero 2020 dovrebbe attestarsi attorno al 10,3%. La contrazione del valore aggiunto del territorio romagnolo riguarda tutti i principali macrosettori, soprattutto l’industria che dovrebbe perdere il 13,5%. Brutte notizie anche sul fronte dell’export, per cui è previsto un tonfo di oltre il 17%, un calo più importante rispetto alla media regionale e nazionale. Il reddito disponibile delle famiglie è previsto in diminuzione del 3,8%. Sul fronte lavoro, per l’anno in corso è stimato un tasso di disoccupazione del 7,3%, che è previsto peggiorare nel 2021. Per il prossimo anno le previsioni indicano un parziale recupero della ricchezza prodotta. “Ancora una volta la crisi colpisce tutti i settori e tutte le tipologie di imprese – spiega Alberto Zambianchi, presidente della Camera di Commercio della Romagna - ma si presenta più profonda per le piccole imprese, per i territori a vocazione turistica e per quelli con una più forte presenza di imprese artigiane ed “export-oriented”. I nostri territori stanno però dimostrando una buona di resilienza e ci avvantaggia essere situati in Emilia-Romagna, una delle regioni che trainano abitualmente lo sviluppo dell’intero Paese”.