Guarda Teleromagna canale 14
economia

ROMAGNA: Report Camera commercio, ripresa nei primi sei mesi dell’anno | VIDEO


Nei primi sei mesi dell’anno l’economia delle provincie di Forlì-Cesena e Rimini ha visto una ripresa, in basi ai dati del report dell’Osservatorio economico della Camera di Commercio della Romagna. All’orizzonte vi sono però incertezze che riguardano il prossimo autunno e che vanno dal piano internazionale a quello politico italiano. Per il 2022 è atteso un aumento del 3,2% in termini di ricchezza prodotta. Il valore aggiunto stimato è in particolare del +3,4% per il territorio di Forlì-Cesena e +3,1% per Rimini. I principali indicatori del sistema produttivo sono in terreno positivo. Fra questi: le imprese attive, la produzione e il fatturato manifatturiero, il volume d’affari delle costruzioni, le vendite del commercio al dettaglio, l’andamento del turismo e delle esportazioni.

Il quadro è accompagnato da una decisa riduzione delle ore di cassa integrazione che hanno caratterizzato gli anni pandemici. Criticità le vive il settore agricolo a causa della siccità. In chiaroscuro il credito alle imprese, con Forlì-Cesena che registra un incremento, mentre Rimini rileva un calo da settembre scorso. In generale lo scenario, afferma il presidente della Camera di Commercio della Romagna Carlo Battistini, “è estremamente complesso e instabile”. Il recupero del valore aggiunto “ci riporta ai livelli pre-pandemia”, dice a margine della conferenza stampa di presentazione dei dati. “Avendo un ottimo mix produttivo fatto da diversi settori”, spiega, “la nostra economia ha magari meno velocità nella crescita, però ha maggiore durata, un maggiore equilibrio e riesce a recuperare prima di altre economie dipendenti solo da pochi settori”.

Tra le incertezze per il prossimo futuro, anche le elezioni del 25 settembre. Indipendentemente da chi vincerò, sostiene Battistini, l’importante è “avere credibilità. Se c’è credibilità, un Paese non entra nell’occhio della speculazione”. Dunque le elezioni “devono dare una soluzione al fatto che il Paese sia governabile, credibile, autorevole”.