Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

ferrara


In evidenza

EMILIA-ROMAGNA: Stop trivelle, Bonaccini chiede incontro col governo Economia

EMILIA-ROMAGNA: Stop trivelle, Bonaccini chiede incontro col governo

“La proroga dello stop all’attività estrattiva non porta con sé alcuna soluzione concreta e strutturale, aggravando le difficoltà e lasciando in una pericolosa incertezza l’intero comparto ravennate”. Così il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, che sulla misura nazionale chiede un incontro urgente al Governo. “La green economy non si fa per decreto- spiega il governatore - e così non si dà alcuna risposta né sotto il profilo della tutela ambientale, viceversa sempre più urgente da affrontare, né per quanto riguarda gli aspetti economici e occupazionali, con l'effetto di fermare e danneggiare un settore strategico e avanzato, che andrebbe al contrario accompagnato nella transizione con politiche industriali. Settore che in Emilia-Romagna conta nel suo complesso mille imprese e 10mila lavoratori diretti”. "Si dovrebbe agire subito e bene, tenendo insieme ambiente e lavoro, avviando nel concreto una transizione energetica verso fonti rinnovabili, e - ha continuato il presidente della Regione Emilia Romagna - una conseguente conversione degli impianti, investendo a livello nazionale e non bloccando un intero comparto, che nel polo ravennate vede un avamposto di professionalità ed esperienze di altissimo livello, anche sul piano della sicurezza e della tutela ambientale. Ho la sensazione che da parte del decisore politico si conosca anche poco quanto è stato fatto in questi anni nel nostro territorio”. Come Regione, prosegue il numero uno della Giunta, “siamo pronti a fare la nostra parte ma è necessario che il Governo, per iniziativa del ministero dello Sviluppo economico, apra subito un confronto con le rappresentanze istituzionali, economiche e sociali, mettendo a valore quanto già si sta facendo in territori come Ferrara e Ravenna e un Piano energetico regionale come il nostro”.


FERRARA: Ubriachezza e danneggiamento, tre denunce della Polizia di Stato Cronaca

FERRARA: Ubriachezza e danneggiamento, tre denunce della Polizia di Stato

Nella giornata di ieri la Polizia di Stato ha proceduto a tre fermi nei confronti di due uomini in stato di ubriachezza e uno sorpreso a rovistare nelle auto in sosta. Un 64enne ferrarese ha infranto i vetri delle autovetture in piazzale San Giovanni. E’ stato denunciato anche per porto ingiustificato di grimaldelli e trovato in possesso di un grosso cacciavite. Mentre nei due casi di ebbrezza, il cittadino marocchino di 41 anni ha arrecato disturbo alle persone sempre della piazza, tanto da richiedere l’intervento del 118 e l’italiano di 57 anni importunava i clienti dei negozi in centro, condannato per alcolismo molesto.


EMILIA-ROMAGNA: Blocco trivelle, per la Cisl è un "harakiri scellerato" Economia

EMILIA-ROMAGNA: Blocco trivelle, per la Cisl è un "harakiri scellerato"

"Regione Emilia-Romagna, istituzioni  territoriali e politica locale battano un colpo, con gli emendamenti approvati nel decreto Milleproroghe si mettono a rischio, solo in questa regione, oltre tremila posti di lavoro dell’Oil&Gas. Emendamenti che prorogando la moratoria contro le trivelle fino a 30 mesi, 6 mesi in più di quelli previsti nella norma originaria, mettono in ginocchio un intero settore e non danno alcuna prospettiva per il futuro". Lo afferma in una nota il sindacato Cisl dell'Emilia-Romagna. "A un anno dal precedente blocco - prosegue il comunicato - anziché definire il piano per la transizione energetica sostenibile, si rinviano ancora una volta le decisioni, lasciando la politica energetica del nostro Paese alla mercé delle importazioni dai competitor al di là dell’Adriatico, Croazia e Grecia in primis. Paesi che continuano a far funzionare le loro trivelle a due passi dalle nostre coste". Complimentandosi col sindaco di Ravenna che ha chiesto l'apertura di un tavolo di crisi, secondo la Cisl tutto questo è "Un harakiri scellerato che determinerà la chiusura dei pozzi, la certezza di perdere know how importanti e un rischio concreto sul fronte occupazionale, con migliaia di lavoratori a rischio licenziamento. Il tutto mentre si continua anche ad evitare il confronto con le parti sociali, che da tempo chiedono responsabilmente di aprire un vero dibattito". Secondo il sindacato è quindi necessario puntare sul gas come transizione verso un futuro low carbon.


FERRARA: Trovato furgone rubato, all'interno uno sportello bancomat | FOTO Cronaca

FERRARA: Trovato furgone rubato, all'interno uno sportello bancomat | FOTO

Nel pomeriggio di domenica è stato rinvenuto dai carabinieri di Portomaggiore, nel Ferrarese, uno sportello automatico di Atm nascosto in un furgone. La denuncia del furto del mezzo era scattata la mattina del 13 febbraio. Secondo la ricostruzione, una coppia di Ospital Monacale nel comune di Argenta, si è recata presso il casale di proprietà caduto in disuso, quando hanno scorto nel capanno un Ducato bianco, a loro sconosciuto, al cui interno è stato trovato dalle forze dell'ordine la colonnina bancomat, prelevata nella notte tra il 12 e il 13 febbraio all’ufficio postale di via Cervella in San Bartolomeo in bosco. Sono in corso tutti gli accertamenti del caso.


EMILIA-ROMAGNA: Cardiopatie congenite, giornata mondiale di sensibilizzazione | VIDEO Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Cardiopatie congenite, giornata mondiale di sensibilizzazione | VIDEO

Palazzo Re Enzo, nel cuore di Bologna, si è illuminato di rosso-blu, per la Giornata Mondiale di sensibilizzazione sulle cardiopatie congenite, che ricorre proprio nel giorno di San Valentino. Per l'occasione i professionisti del Policlinico Sant’Orsola hanno organizzato il convegno “Gli ostacoli del Cuore: le patologie congenite dal feto al neonato”. Una due giorni in cui i maggior esperti a livello nazionale si sono incontrati a Bologna per fare il punto su diagnosi tempestiva e ultime frontiere dei trattamenti delle patologie cardiache


Notizie recenti