Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

ferrara


In evidenza


RICCIONE: La sindaca posta articolo di sei anni fa, Bonaccini, "Si vergogni" Politica

RICCIONE: La sindaca posta articolo di sei anni fa, Bonaccini, "Si vergogni"

C'è polemica dopo che la sindaca di Riccione Renata Tosi ha postato su Facebook e poi cancellato un articolo di stampa di sei anni fa spacciandolo per attuale dove si raccontava di indagini in corso ai vari gruppi consiliari in Regione nei quali spiccava il nome di Bonaccini e altri. "Se si arriva a mentire, sapendo di mentire, per colpire l'avversario vuol dire che non si hanno argomenti", dice il presidente ricandidato dell'Emilia-Romagna. "All'epoca - prosegue - fui indagato, al pari di quasi tutti i consiglieri regionali, per l'utilizzo dei fondi ai gruppi. Chiesi immediatamente di essere ascoltato dai magistrati per chiarire la mia posizione e in pochi giorni la cosa si chiuse perché il fatto non sussisteva. La sindaca si vergogni", conclude



ROMAGNA: Regionali, Salvini, "Insultano Lucia perché è donna" | VIDEO Politica

ROMAGNA: Regionali, Salvini, "Insultano Lucia perché è donna" | VIDEO

“Sanno solo insultare. Insultano Lucia perché è donna, insultano le Lega perché è razzista, fascista”. Lo afferma Matteo Salvini parlando coi giornalisti a Cattolica, nel Riminese, rispondendo a Nicola Zingaretti che aveva definito Lucia Borgonzoni inadeguata al governo della regione Emilia-Romagna. “Noi governiamo tantissime regioni italiane da vent’anni - prosegue Salvini - siamo il primo partito di questo Paese, abbiamo idee chiare sulle case popolari, sugli stabilimenti balneari e sulle infrastrutture che mancano, su come ampliare il porto di Rimini, l’aeroporto di Forlì, come dare una mano ai lavoratori e agli imprenditori romagnoli ed emiliani, di là ci sono solo insulti e quindi domenica prossima il popolo emiliano-romagnolo deciderà fra gli insulti di una sinistra che è qua da 50 anni e l’energia e l’entusiasmo delle proposte della Lega”, aggiunge. "Domani chiederò ai parlamentari della Lega di votare sì per farmi processare". Ha poi detto Salvini.  ​“Mi mandino a processo così la decidiamo una volta per tutte se difendere i confini dell’Italia, la sicurezza e l’onore dell’Italia è un crimine oppure se è un dovere di un buon ministro”. Così Matteo Salvini parlando coi giornalisti subito dopo il comizio a Cattolica, dove ha annunciato il voto favorevole domani dei parlamentari leghisti. “Non ho più voglia di perdere tempo o far perdere tempo agli italiani, nei tribunali ci sono delinquenti veri da processare - ha detto - mi mandino a processo, trovino un tribunale abbastanza grande perché penso che milioni di italiani vorranno farmi compagnia”.



Notizie recenti