Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

forlì


In evidenza

PREDAPPIO: Cripta Mussolini, pronipoti “no alla mercificazione” Attualità

PREDAPPIO: Cripta Mussolini, pronipoti “no alla mercificazione”

Orsola e Vittoria Mussolini, pronipoti del Duce, "non intendono aderire a qualsivoglia formula associativa che possa essere il preludio di qualsiasi mercificazione della cripta". Lo scrivono in una nota le due discendenti di Benito Mussolini, dopo che nelle scorse settimane era nato un contrasto sulla riapertura della cripta di Predappio (Forlì-Cesena), da loro annunciata, poi sconfessata da altri parenti e attuata lo stesso da Orsola e Vittoria il 23 maggio. La cripta, dicono, "deve rimanere aperta al pubblico, come volle la bisnonna Rachele (moglie del Duce, ndr) e come riportato nella concessione. Il diritto che discende dalla concessione è unicamente un diritto di superficie (824 codice civile) e null'altro deve e può essere ipotizzato. Non è una comunione patrimoniale, ma di diritti personali, e sarebbe bene che come previsto dalla legge, le decisioni venissero prese all'unanimità. È un luogo di culto, come tutte le tombe, e come tale merita solamente silenzioso rispetto". Per Orsola e Vittoria Mussolini "la bisnonna fu chiara in merito: 'Lasciate il corpo nella scatola di sapone dove lo hanno messo perché si sappia come è stato trattato, che la cripta sia lasciata aperta al pubblico per chiunque'. Per il resto si tratta di una questione familiare e come tale deve essere affrontata dalla famiglia, senza nessun interesse particolare oltre il silenzio, la preghiera e la solidarietà che si deve ai defunti. Confidiamo di parlare fra parenti senza inopportuni intermediari".


EMILIA-ROMAGNA: Covid, nessun decesso e 105 nuovi positivi Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Covid, nessun decesso e 105 nuovi positivi

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 385.561 casi di positività, 105 in più rispetto a ieri, su un totale di 17.168 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è dello 0,6%. Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, estesa anche agli under40. In Emilia-Romagna, infatti, sono aperte da giovedìi le prenotazioni per i 35-39enni (quindi i nati dal 1982 al 1986), dopo l’avvio, lunedì 7, di quelle per i ragazzi tra i 12 e i 19 anni. Si procederà poi, in maniera scaglionata, in ordine anagrafico: dopo i 30-34enni, a seguire con finestre distanziate di due o tre giorni sarà la volta delle altre fasce di età. Ovviamente la possibilità di prenotarsi resterà sempre aperta a partire dalla data di sblocco delle finestre, per consentire a tutti coloro che lo vorranno di ricevere il vaccino. Il conteggio progressivo delle somministrazioni di vaccino effettuate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna dedicato all’argomento: https://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccino-anti-covid, che indica anche quanti sono i cicli vaccinali completati. Tutte le informazioni sulla campagna: https://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it/. Alle ore 15 sono state somministrate complessivamente 3.121.587 dosi; sul totale, 1.099.575 sono seconde dosi, e cioè le persone che hanno completato il ciclo vaccinale. Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 29 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 35 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 51 sono stati individuati all’interno di focolai già noti. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 33,9 anni. Sui 50 asintomatici, 29 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 13 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 3 con gli screening sierologici, 3 tramite i test pre-ricovero. La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 21 nuovi casi e Parma con 20, quindi Cesena e Modena con 14, Reggio Emilia (10), Forlì (8), seguite da Piacenza (6), infine Ravenna (3), Rimini (3), Ferrara (3) e Circondario Imolese (3). Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali - relativi all’andamento dell’epidemia in regione. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 7.222 tamponi molecolari, per un totale di 4.870.249. A questi si aggiungono anche 9.946 tamponi rapidi. Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 296 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 363.818. I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 8.513 (-191 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 8.162 (-160), il 95,8% del totale dei casi attivi. Non si è registrato nessun decesso in Emilia-Romagna. In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 13.230. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 60 (-1 rispetto a ieri), 291 quelli negli altri reparti Covid (-30). Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: zero a Piacenza (invariato), 7 a Parma (+1), 6 a Reggio Emilia (numero invariato rispetto a ieri),13 a Modena (invariato), 23 a Bologna (-3), 1 a Imola (invariato), 2 a Ferrara (invariato), 1 a Ravenna (invariato), nessuno a Forlì (come ieri), 2 a Cesena (+1) e 5 a Rimini (invariato). Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 23.594 a Piacenza (+6 rispetto a ieri, di cui 2 sintomatici), 28.347 a Parma (+20, di cui 8 sintomatici), 46.850 a Reggio Emilia (+10, di cui 7 sintomatici), 65.534 a Modena (+14, di cui 9 sintomatici), 82.211 a Bologna (+21, di cui 16 sintomatici), 12.617 casi a Imola (+3, nessun sintomatico), 23.136 a Ferrara (+3, di cui 2 sintomatici), 30.447 a Ravenna (+3, nessun sintomatico), 17.039 a Forlì (+8, di cui 4 sintomatici), 19.592 a Cesena (+14, di cui 6 sintomatici) e 36.194 a Rimini (+3, di cui 1 sintomatico).


BOLOGNA: Cade durante la gita in mountain bike, grave 49enne di Forlì | FOTO Cronaca

BOLOGNA: Cade durante la gita in mountain bike, grave 49enne di Forlì | FOTO

Un gruppo di amici durante una gita con la mountain bike nelle colline intorno a Casalfiumanese (BO) hanno imboccato da Borgo Tossignano il sentiero CAI 703 che si sviluppa ad anello passando da M.te. dell’Acqua Salata e ritorna di nuovo a Borgo. Uno di loro, un uomo di 49 anni residente a Forlì, giunto in tratto particolarmente ripido e impervio è caduto nella scarpata sottostante, riportando un trauma cranico e toracico con difficoltà respiratorie. Subito gli amici hanno chiamato il 118 per chiedere aiuto e sul posto è stata inviata l’ambulanza di Imola, l’elicottero 118 di Pavullo nel Frignano dotato di verricello con a bordo un Tecnico del CNSAS e la squadra del Soccorso Alpino e Speleologico stazione Rocca di Badolo. L’elicottero ha fatto scendere l’equipaggio con verricello in quanto la zona non è atterrabile. Dopo valutazione da parte dell’anestesista al paziente è stata somministrata l’analgesia per il forte dolore. Terminata la stabilizzazione l’uomo è stato recuperato col verricello e trasportato all’ospedale Maggiore di Bologna con un codice di massima gravità


ROMAGNA: Hub aziendali, vaccinati oltre 2000 lavoratori Attualità

ROMAGNA: Hub aziendali, vaccinati oltre 2000 lavoratori

Nei primi giorni di operatività dei tre hub vaccinali interaziendali di Forlì, Ravenna e Rimini, promossi da Confcooperative Romagna, Confindustria Romagna e Legacoop Romagna, sono stati immunizzati circa 2050 lavoratori. L’attività è partita mercoledì 9 giugno nelle strutture di Corofar/Ausilio (Forlì), Ravenna Medical Center e Nuova Ricerca (Rimini). Nei giorni scorsi, inoltre, si è attivata una collaborazione con diverse associazioni di categoria del territorio per mettere a disposizione i centri vaccinali per tutte le aziende che fossero interessate. Stanno quindi aderendo, tramite la propria associazione o i medici del lavoro o scrivendo alle mail dedicate, altre imprese artigiane, industriali, agricole, cooperative e del commercio. La popolazione di lavoratori interessata è composta per lo più da giovani tra i 20 e i 40 anni. L’iniziativa proseguirà la prossima settimana per soddisfare le richieste delle 340 imprese di ogni settore e dimensione che hanno aderito al progetto.


FORLI': Ubriaco fugge all'alt della polizia, arrestato 43enne Cronaca

FORLI': Ubriaco fugge all'alt della polizia, arrestato 43enne

La polizia di Forlì ha arrestato un 43enne con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale aggravata. L’uomo, alla guida di una AUDI TT cabriolet, era fuggito all’alt che gli era stato intimato dagli agenti di una Volante impiegata nell’ambito delle attività di controllo del territorio. L’episodio è avvenuto verso le 21 di venerdì sera e il guidatore, incurante della segnalazione, ha accelerato e ha iniziato una fuga lungo le vie cittadine, percorse ad alta velocità e con guida pericolosa sino a quando ha sbattuto contro un marciapiede ed è scoppiato uno pneumatico. Il conducente ha provato di fuggire a piedi ma è stato bloccato dagli agenti e ammanettato. Sul posto è intervenuta anche una pattuglia della Polizia Locale di Forlì, che ha accertato che l’uomo aveva un tasso alcolico pari a 1.33 gr./l., e la patente gli è stata ritirata con denuncia all’Autorità Giudiziaria.


Notizie recenti