Guarda Teleromagna canale 14

In evidenza

BELLARIA-IGEA MARINA: Fu curato da bimbo grazie a Maradona, arrestato per spaccio Cronaca

BELLARIA-IGEA MARINA: Fu curato da bimbo grazie a Maradona, arrestato per spaccio

Faceva il pusher a Bellaria Igea Marina e (Rimini) ed è stato arrestato dai carabinieri, l'uomo che da bimbo fu curato grazie a Diego Maradona. "Maradona è come un padre per me", diceva qualche anno fa in tv Luca Quarto, 38 anni, che quando aveva poco più di un anno fu portato in Svizzera dai genitori per un'operazione al palato, pagata grazie alla raccolta fondi organizzata dal Pibe de Oro ad Acerra (Napoli): una celebre partita per beneficenza, il 18 marzo 1985 in un campetto fangoso, dove ora c'è un parco urbano e una statua che ricorda quel giorno. Nel 2002 il ragazzo ha incontrato il campione argentino nella trasmissione televisiva 'C'è posta per te'. Come riporta la stampa riminese, Quarto nella tarda serata di venerdì è stato sorpreso dai carabinieri di Bellaria Igea Marina mentre cedeva in strada una dose di cocaina ad un imprenditore della zona. L'acquirente è stato identificato e segnalato alla prefettura come assuntore, mentre Quarto è stato arrestato. In casa gli sono stati sequestrati 50 grammi di cocaina, un bilancino di precisione, il materiale per il confezionamento e cinquemila euro in contanti, ritenuti il provento dell'attività di spaccio. In attesa del processo, fissato il prossimo 24 ottobre, il giudice ha disposto gli arresti domiciliari, revocandogli il reddito di cittadinanza.


EMILIA-ROMAGNA: Covid, 2.876 nuovi casi positivi e quattro decessi Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Covid, 2.876 nuovi casi positivi e quattro decessi

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 1.868.453 casi di positività, 2.876 in più rispetto a ieri, su un totale di 10.206 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, di cui 3.221 molecolari e 6.985 test antigenici rapidi. Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 28,1%.   Vaccinazioni Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid. Alle ore 12 sono state somministrate complessivamente 10.868.600 dosi; sul totale sono 3.799.588 le persone over 12 che hanno completato il ciclo vaccinale, il 94,5%. Le dosi aggiuntive fatte sono 2.960.060. Il conteggio progressivo delle dosi di vaccino somministrate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna dedicato all’argomento https://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccino-anti-covid, che indica anche quanti sono i cicli vaccinali completati e le dosi aggiuntive somministrate. Tutte le informazioni sulla campagna: https://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it/ .   Ricoveri I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 22 (+3 rispetto a ieri, pari al +15,8%), l’età media è di 68 anni. Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 663 (+17 rispetto a ieri, +2,6%), età media 74,4 anni. Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 1 a Piacenza (invariato rispetto a ieri), 1 a Parma (invariato); 2 a Reggio Emilia (invariato); 0 a Modena (-1); 7 a Bologna (+1); 2 a Imola (+1); 2 a Ferrara (invariato); 2 a Ravenna (invariato); 1 a Forlì (invariato); 2 a Cesena (+1); 2 a Rimini (+1).   Contagi L’età media dei nuovi positivi di oggi è di 49,8 anni. La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 515 nuovi casi (su un totale dall’inizio dell’epidemia di 381.124), seguita da Modena (423 su 284.041); poi Reggio Emilia (336 su 211.335), Ravenna (297 su 176.954) e Rimini (277 su 175.928); quindi Parma (234 su 158.425), Ferrara (232 su 134.022), Forlì (181 su 87.016), Piacenza (174 su 96.485); Cesena (138 su 105.311) e, infine, il Circondario Imolese (69 su 57.812). I casi attivi, cioè i malati effettivi, sono 25.371 (+ 1.726). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 24.686 (+1.706), il 97,3% del totale dei casi attivi. Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali - relativi all’andamento dell’epidemia in regione.   Guariti e deceduti Le persone complessivamente guarite sono 1.146 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 1.825.046. Purtroppo, si registrano quattro decessi: 1 a Parma (un uomo di 90 anni) 2 a Bologna (due donne, rispettivamente, di 63 e 88 anni) 1 in provincia di Forlì-Cesena (una donna di 87 anni) Non si registrano decessi nelle province di Piacenza, Reggio Emilia, Modena, Ferrara, Ravenna, Rimini e nel Circondario Imolese In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 18.036.


RIMINI: Caro bollette, via libera a camini e stufe nonostante norme regionali | VIDEO Attualità

RIMINI: Caro bollette, via libera a camini e stufe nonostante norme regionali | VIDEO

In deroga alle misure anti-smog, il sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad ha varato un’ordinanza che per la prima volta da anni consente l’accensione di camini e stufe a legna. La motivazione è il caro bollette.   Il primo ottobre entrano in vigore in Emilia-Romagna le misure anti-smog previste dalla Regione che, oltre alle limitazioni alla circolazione, vietano l’utilizzo di impianti di riscaldamento più inquinanti, come camini e stufe a legna. Rimini decide però di fare diversamente. Il sindaco Jamil Sadegholvaad ha scelto “in questa fase emergenziale” per via del caro energia di "non inserire le norme che vietano l'uso di camini e stufe" e ha chiesto a viale Aldo Moro "una ulteriore valutazione su questo aspetto". Il capoluogo romagnolo conferma i limiti al traffico secondo il piano regionale e il nuovo accordo di bacino Padano. Ma non vi saranno più divieti per l'uso domestico di camini aperti, caminetti, stufe a legna o pellet fino alla classe 2, che la Regione vieta per i territori sotto i 300 metri di altitudine. “Non posso non tenere conto della vera e propria emergenza energetica”, si è così giustificato il sindaco riminese che ha visto i propri concittadini propensi ad attivare sistemi di riscaldamento più economici e tradizionali. “In una fase emergenziale – ha aggiunto -, almeno temporaneamente si devono contemperare tutte le problematiche". Alla Regione Sadegholvaad chiede di fare un’ulteriore analisi per arrivare a una possibile deroga su camini e stufe almeno nei mesi più freddi.


RIMINI: Crac Aeradria, i pm impugnano l'assoluzione dei big | VIDEO Cronaca

RIMINI: Crac Aeradria, i pm impugnano l'assoluzione dei big | VIDEO

La procura di Rimini è pronta a fare ricorso davanti alla Corte d’Appello di Bologna contro la sentenza di assoluzione dei big dell’imprenditoria e politica locale nel processo per il fallimento di Aeradria, l’ex società di gestione dell’aeroporto Fellini. Come riportano i giornali locali, secondo i pm l’ex presidente di provincia Stefano Vitali, l’ex sindaco Andrea Gnassi e il presidente di Ieg Lorenzo Cagnoni sarebbero in qualche modo coinvolti nel crac societario dichiarato dal tribunale nel 2013. Le indagini sono partite 9 anni fa, ma solo nel 2018 si è arrivati alla prima udienza di fronte a dei giudici. Ne è seguito un lungo dibattimento in primo grado conclusosi il 14 gennaio scorso con l’assoluzione delle tre personalità di spicco del panorama locale e di altri imprenditori, dopo che nel dicembre del 2020 era intervenuta la prescrizione per alcuni capi di imputazione. L’unico condannato a 4 anni per bancarotta fraudolenta è stato il commercialista di una società controllata. Ora la procura di Rimini chiede di rivedere le accuse, a vario titolo, di bancarotta fraudolenta e di ricorso abusivo al credito.


BOLOGNA: Dipendenze, aumenta l'abuso di droghe e alcol fra i giovani | VIDEO Cronaca

BOLOGNA: Dipendenze, aumenta l'abuso di droghe e alcol fra i giovani | VIDEO

Da una parte cala l'abuso di oppioidi e dall'altra aumentano quelli di cocaina, alcol e cannabis, anche in modo combinato. Ma non solo: ad aumentare è pure l'uso di sostanze in generale fra i più giovani, under 24, mentre rimane più o meno stabile il numero di persone morte per overdose e quello di chi assume eroina. È quanto emerge dai dati 2021 dell'Osservatorio Epidemiologico sulle dipendenze dell'Ausl di Bologna, uno studio che considera i consumatori cosiddetti problematici a livello metropolitano di sostanze illegali o alcol che negli ultimi due anni si sono rivolti a Serd, pronto soccorso o che sono stati ricoverati in ospedale per problemi a ciò correlati. Complessivamente, sono state oltre 124mila le prestazioni nell'area metropolitana bolognese erogate dai Serd nel corso 2021.


Notizie recenti