Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

I PIÙ LETTI


RAVENNA: Morto anche il secondo camionista coinvolto nell'incidente in A14 cronaca

RAVENNA: Morto anche il secondo camionista coinvolto nell'incidente in A14

Si è aggravato il bilancio dei morti nel tremendo incidente stradale che si è verificato lunedì mattina lungo l'autostrada A14. Dopo la morte del camionista croato di 35 anni rimasto intrappolato nella cabina del camion, nella notte è morto anche il secondo autista  coinvolto nello schianto. La seconda vittima era di nazionalità bulgara ed aveva 56 anni. Le ustioni profonde ed estese su tutto il corpo non gli hanno lasciato scampo ed è deceduto dopo poche ore dal ricovero al Bufalini di Cesena  


FORLÌ: Col trattore in tangenziale, protagonista un 45enne ubriaco cronaca

FORLÌ: Col trattore in tangenziale, protagonista un 45enne ubriaco

Durante lo scorso fine settimana alcuni automobilisti hanno segnalato alla Polizia Municipale che un mezzo agricolo stava percorrendo la tangenziale ignaro del divieto per tale categoria di veicoli. Immediatamente le pattuglie hanno intercettato il mezzo e hanno imposto al conducente di fermarsi. Si trattava di un 45enne forlivese che, tra l'altro, è risultato positivo all'alcool test. Nel suo sangue il valore era di ben quattro volte superiore al limite consentito. Per lui ora si profilano conseguenze pesantissime: oltre al deferimento all'autorità giudiziaria per guida in stato di ebbrezza, l'uomo ha subìto il sequestro del trattore e rischia l'arresto da sei mesi a un anno oltre all'ammenda tra 1500 e 6000 euro. La sua patente è stata ovviamente ritirata, il Prefetto potrà sospenderla per un periodo che va da uno a due anni. (foto archivio)


RAVENNA: Incidente mortale in A14 - FOTO cronaca

RAVENNA: Incidente mortale in A14 - FOTO

Tamponamento mortale ieri pomeriggio sull'autostrada A14 all'altezza di Ozzano. La vittima è Elena Paola Barbera, una donna di 41 che stava tornando nella sua casa a Lavezzola, in provincia di Ravenna, dopo aver concluso la giornata di lavoro all'ospedale Sant'Orsola di Bologna. La donna si trovava incolonnata lungo la corsia sud a seguito di un precedente incidente quando è stata violentemente tamponata da un furgone. Immediato l'arrivo dei soccorsi ma, ormai, per la donna non c'era nulla da fare. 


RAVENNA: Salgono a tre i casi di Blue whale cronaca

RAVENNA: Salgono a tre i casi di Blue whale

Sarebbero saliti a tre nel ravennate i casi di adolescenti finiti nella rete del cosiddetto "gioco del suicidio", 'Blue Whale'. Oltre all' intervento della polizia per una studentessa di 14 anni, solo pochi giorni prima i carabinieri sarebbero intervenuti per una tredicenne, mentre un altro adolescente, anch'egli di 13 anni, sarebbe stato salvato da uno psicologo. Nel caso della 14enne, la foto che provava le autolesioni, era stata postata sul proprio profilo Facebook. Secondo quanto ipotizzato, la ragazzina era arrivata al secondo livello delle varie prove richieste. 


IMOLA: Scontro in moto, morto figlio dell'ex campione Lucchinelli | VIDEO cronaca

IMOLA: Scontro in moto, morto figlio dell'ex campione Lucchinelli | VIDEO

Cristiano Lucchinelli, 36 anni, figlio di Marco, campione mondiale delle 500 nel 1981, è morto ieri sera poco prima delle 20 a seguito di un incidente avvenuto a Poggio Piccolo, frazione industriale di Castel Guelfo nel bolognese. In sella ad una moto, mentre percorreva la via Poggio ed era diretto verso Castel Guelfo, è entrato in collisione con una Range Rover proveniente dal lato opposto e che stava svoltando a sinistra.  Dopo l'impatto il motociclista è stato sbalzato sull'asfalto finendo contro un muretto. Dopo l'arrivo dei soccorsi e di un elicottero, i sanitari ne hanno constatato il decesso. Cristiano Lucchinelli abitava assieme al padre Marco, alla madre Paola e alla sorella, in una casa della Valsellustra, località pedecollinare del Comune di Casalfiumanese (Bologna). Assieme al padre, ex campione mondiale ed attuale commentatore televisivo per le reti Sky, e all'ex pilota Fausto Ricci, gestiva la 'Lucchinelli Experience', rivolta a motociclisti professionisti e amatoriali, con corsi di guida sulla strada e per la sicurezza. (foto archivio)


EMILIA-ROMAGNA: Ne ammazza un altro e fugge, decine di uomini cercano "Igor Il Russo" | VIDEO cronaca

EMILIA-ROMAGNA: Ne ammazza un altro e fugge, decine di uomini cercano "Igor Il Russo" | VIDEO

Sarebbe stato intercettato ad un posto di blocco tra Marmorta e Molinella, nel Bolognese al confine con la provincia di Ferrara, ma avrebbe abbandonato l'auto e sarebbe fuggito a piedi per i campi Igor Vaclavic, 41 anni, ricercato per una serie di rapine commesse nel Ferrarese nell'estate 2015, sospettato per l'omicidio del barista Davide Fabbri, ucciso con un colpo di pistola una settimana fa a Budrio, e ora anche dell'uccisione della guardia provinciale nel ferrarese e del ferimento di un'altra. L'uomo è braccato ed è in corso nella zona una imponente caccia all'uomo. Starebbero per arrivare anche i reparti speciali. Peraltro secondo le ultime verifiche Vaclavic, che ha molti alias, non sarebbe russo ma proveniente da un paese della ex Jugoslavia e non sarebbe un ex militare.  Una guardia provinciale uccisa, un'altra ferita gravemente. Gravissimo fatto di sangue attorno alle 19 lungo la strada provinciale Mondo Nuova, a circa otto chilometri da Portomaggiore. Tutto porta a ipotizzare che a sparare sia Igor Il Russo, l'uomo braccato da giorni dalle forze dell'ordine per l'omicidio del barista di Budrio Davide Fabbri, come riporta il sito web, in una breaking news della Nuova Ferrara. L'uomo sarebbe poi fuggito a bordo di un Fiorino bianco, rubato a Molinella. Le forze dell'ordine stanno arrivando in numero massiccio sul posto per una frenetica caccia all'uomo, che sarebbe scappato verso il Comacchiese Aggiornamento delle 6.40 E' continuata per tutta la notte, anche con il supporto di reparti speciali, la caccia delle forze dell'ordine a Igor Vaclavic, sospettato di aver ucciso ieri sera a colpi d'arma da fuoco una guardia ambientale volontaria, Valerio Verri, di Portoverrara, e ferito una guardia provinciale, Marco Ravaglia, dopo essere stato fermato per un controllo casuale, durante un pattugliamento antibracconaggio, sulla provinciale Mondonuovo a Trava di Portomaggiore, nel Ferrarese. La guardia ferita è stata ricoverata all'ospedale Bufalini di Cesena e operata; non è in pericolo di vita. Le ricerche si sono concentrate in particolare nell'area dell'oasi di Marmorta di Molinella, al confine tra il Ferrarese e il Bolognese. Vaclavic, 41 anni, è fuggito prima a bordo di un Fiorino rubato, poi a piedi nella boscaglia. L'uomo è il principale sospettato anche per l'omicidio del barista Davide Fabbri, avvenuto nella tarda serata di sabato 1 aprile a Riccardina di Budrio, a non molti chilometri in linea d'aria. Aggiornamento delle 09.12 Il sostituto procuratore di Bologna Marco Forte, titolare delle indagini sull'omicidio di Budrio, è in contatto da ieri sera con il collega di Ferrara, Ciro Alberto Savino.  Vaclavic, che ha diversi alias e potrebbe essere originario di un paese della ex Jugoslavia, sarebbe stato riconosciuto dalla guardia ferita come il latitante la cui foto era stata diffusa alle forze di polizia, ma un collegamento sicuro con i delitti lo si potrà avere solo quando verrà prelevato un campione del suo Dna per raffrontarlo con quello isolato dal Ris nel sangue trovato fuori dal bar di Budrio. Intanto il Fiorino bianco abbandonato dal fuggitivo a Molinella è stato sequestrato e verrà analizzato per trovare tracce utili.


FORLÌ: Branco di lupi si accanisce sui cani di un podere di Predappio Alta cronaca

FORLÌ: Branco di lupi si accanisce sui cani di un podere di Predappio Alta

Non è la prima volta che, in tempi recenti, i lupi si avvicinano alle cascine in zona Predappio alta, nel forlivese. Ieri gli animali hanno fatto incursione in uno di questi sgozzando un cane e riducendo in fin di vita un secondo. Il proprietario di entrambi i cani è straziato e denuncia una situazione che - dice - “sta diventando preoccupante”. I vicini parlano persino di branchi formati da una ventina di esemplari che si sarebbero spinti fino all’abitato di Predappio e di Trivella.