Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

I PIÙ LETTI


FORLÌ: Scenata di gelosia sotto al balcone, il nuovo compagno della ex gli spara cronaca

FORLÌ: Scenata di gelosia sotto al balcone, il nuovo compagno della ex gli spara

Si è presentato sotto casa della sua ex per una scenata di gelosia ed è stato colpito con tre colpi di pistola dal nuovo compagno della donna. E’ accaduto questa notte a Forlì attorno alle 2 e mezza. La vittima, un 36enne di origini pugliesi, si trovava sotto il balcone della donna nel tentativo di riconquistarla quando, proprio da questo, è spuntato un altro uomo che si è messo a sparare contro di lui con una pistola ad aria compressa. L’arma, regolarmente acquistata, era caricata con pallini di piombo che hanno colpito l’uomo alle spalle, al fianco e al petto provocandogli ferite gravi, tanto che sono stati gli stessi due amanti a chiamare l’ambulanza dopo essersi resi conto del danno causato. In pochi minuti sono arrivati gli uomini del 118 che hanno provveduto a trasportare la vittima all’ospedale di Cesena con codice di massima gravità. L’autore della sparatoria, anche lui pugliese, classe 1983, è stato invece portato in Questura e denunciato per lesioni aggravate. (immagine di repertorio)


RAVENNA: Bimbo di 5 anni rischia di annegare in piscina, ora è in coma cronaca

RAVENNA: Bimbo di 5 anni rischia di annegare in piscina, ora è in coma

Un bambino di 5 anni ha rischiato di annegare ieri mattina mentre si trovava in piscina con la propria famiglia. I fatti si sono svolti presso il residence Mare e Pineta di Casalborsetti, nel Ravennate. Il piccolo, di origine rumena, era in Romagna da pochi giorni per trascorrere una vacanza con i genitori. Mentre si trovava nella piscina dell’albergo, tuttavia, ha iniziato ad annaspare, forse a causa di un malore, fino a perdere i sensi ed è stato soccorso dal bagnino di salvataggio. In pochi minuti è arrivato il 118 che ha iniziato le pratiche di rianimazione, per poi trasferire il piccolo con la massima urgenza all’ospedale Bufalini di Cesena. Qui è stato intubato e sottoposto a coma farmacologico, le sue condizioni sono gravi.


LUGO: 19enne morto in auto, gli amici lo avrebbero lasciato agonizzante | VIDEO cronaca

LUGO: 19enne morto in auto, gli amici lo avrebbero lasciato agonizzante | VIDEO

Tragedia tutta da chiarire quella accaduto a Lugo e scoperta nelle ultime ore. Il corpo senza vita di un 19enne è stato trovato all'interno di una vettura parcheggiata alla periferia della cittadina del ravennate. Inizialmente si è pensato ad una morte in solitudine causata da un malore ma poi gli inquirenti hanno aperto altre strade e al momento non è esclusa nessuna pista nelle indagini. Dalla prima ricostruzione dei fatti, sembra che la vittima, Matteo Ballardini, avesse trascorso la serata di martedì in discoteca a Faenza con gli amici e una volta tornati a Lugo si sarebbero fermati in un parcheggio. Cosa sia accaduto esattamente a quel punto dovrà essere chiarito, ma sembra plausibile che il ragazzo possa avere assunto delle droghe o comunque sostanze tossiche e si sarebbe sentito male per poi morire poco dopo. I carabinieri che stanno cercando di fare luce sulla vicenda, riterrebbero plausibile che le persone che erano in compagnia del 19enne, accortesi della sua agonia, lo abbiano abbandonato al suo destino, anziché chiamare i soccorsi che forse avrebbero potuto salvarlo. Si ipotizzerebbe quindi un’omissione di soccorso collettiva che potrebbe avere coinvolto fino a quattro persone che a questo punto potrebbero essere accusate oltre che di omissione di soccorso anche di morte come conseguenza di altro reato. Il 19enne si trovava sul sedile anteriore del passeggero e questo ha insinuato i dubbi negli Uomini dell’Arma che hanno  richiesto l’intervento della Scientifica. Ora sarà l’autopsia a fare luce sulla vicenda, oltre agli interrogatori degli amici e di persone che potrebbero fornire elementi utili alla ricostruzione della tragedia.


RAVENNA: Il corpo di Lukas Venturi trovato impiccato a Lido di Dante | VIDEO cronaca

RAVENNA: Il corpo di Lukas Venturi trovato impiccato a Lido di Dante | VIDEO

Sono terminate purtroppo nel peggiore dei modi le ricerche di Lukas Venturi, il 24enne ravennate di cui non si avevano più notizie da mercoledì. Il suo corpo è stato rinvenuto giovedì pomeriggio nella pineta Ramazzotti a Lido di Dante, nel tratto verso la foce del fiume Bevano. Il ragazzo si sarebbe suicidato impiccandosi e il suo corpo è stato trovato appeso ad una corda. Si era allontanato nel primo pomeriggio di mercoledì in sella alla sua bicicletta e non aveva fatto ritorno a casa, creando preoccupazione  nei genitori che avevano lanciato un appello e l'allarme alle forze dell'ordine. Sulla vicenda indaga la squadra mobile, ma pare abbastanza scontato il gesto volontario. Il ragazzo era studente universitario a Milano ed era in procinto di laurearsi.


RIMINI: Zanza, negato il funerale in chiesa attualità

RIMINI: Zanza, negato il funerale in chiesa

“Volevamo celebrare il funerale in chiesa ma ci è stato detto di no”. Questa la denuncia fatta dai familiari di Maurizio Zanfanti, in arte Zanza, celebre latin lover della riviera, deceduto pochi giorni fa a Rimini. Nella tarda mattinata di ieri è arrivato il nulla osta del magistrato per le esequie e così i familiari hanno cominciato ad organizzare la cerimonia funebre ma sia la chiesa di Bellariva sia quella di Regina Pacis hanno negato la disponibilità e quindi l’estremo saluto, in programma sabato alle 15, verrà dato direttamente al cimitero. “Per quanto riguarda la chiesa di Bellariva – raccontano i familiari sulle pagine del Resto del Carlino – ci è stato detto che era già occupata mentre il parroco di Regina Pacis ha detto che preferiva evitare”. “Siamo molto amareggiati per il rifiuto – continua Nives Succi – la zia di Zanza – e chiederemo spiegazioni alla curia.”


CESENA: Ciclisti in gruppo rallentano il traffico, scattano insulti e improperi, ecco il filmato | VIDEO attualità

CESENA: Ciclisti in gruppo rallentano il traffico, scattano insulti e improperi, ecco il filmato | VIDEO

Come sempre accade con la bella stagione si ripropone in Romagna il problema della "convivenza" tra ciclisti e automobilisti. Specialmente nei giorni festivi e nei periodi di ferie, le strade del territorio si riempiono di gruppi, anche corposi, di sportivi su due ruote che percorrono le carreggiate rallentando il traffico veicolare. Se da una parte il cicloturismo è una delle caratteristiche della Romagna che va tutelato anche in chiave turistica, dall'altra i guidatori lamentano la scarsa attenzione dei velocipedisti che percorrono troppo spesso le strade non in fila indiana. Sul web intanto impazza un filmato girato con il telefonino da un automobilista alquanto arrabbiato e pubblicato dalla pagina Facebook "Romagnoli, popolo eletto". Nel video, realizzato sulla strada che collega Cesena a Cesenatico, si vede chiaramente il rallentamento causato dall'andatura di gruppo dei ciclisti, riempiti di insulti e improperi vari (da cui ovviamente ci dissociamo) dal "garbato" guidatore. Quale la morale della favola? Basterebbe una maggiore educazione da parte di tutti e.... più piste ciclabili.


RIMINI: Jova Beach Party, l'evento che non vi racconteremo attualità

RIMINI: Jova Beach Party, l'evento che non vi racconteremo

Ieri si è svolto a Rimini il Jova Beach Party, di sicuro un bell'evento che ha attirato tantissime persone. Noi però oggi non ne parleremo, ci è infatti stato rifiutato un accredito stampa per poter seguire e dare conto del concerto. Una scortesia, inspiegabile, che danneggia soprattutto i telespettatori e i lettori web della realtà editoriale televisiva in Emilia-Romagna più seguita da chi vuole informarsi sui fatti del nostro territorio (dati Agcom). Altre testate, anche locali, sono state giustamente accreditate. Ci piacerebbe sapere cosa ne pensa Jovanotti della gestione stampa dei suoi concerti. Noi crediamo che il diritto di cronaca sia fondamentale e una sorta di discriminazione come questa, nei nostri confronti, la riteniamo inaccettabile.