Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

politica


BOLOGNA: Amministrative, grandi manovre nel centrodestra | VIDEO Politica

BOLOGNA: Amministrative, grandi manovre nel centrodestra | VIDEO

Grandi manovre nel centrodestra in vista delle prossime elezioni amministrative di Bologna. Dalla nomina di Valentina Castaldini a coordinatrice di Forza Italia, ai nomi papabili di Piazza e Tonelli, al ruolo più defilato della Lega dopo il ko della Borgonzoni, al peso di Fratelli d’Italia. Facciamo il punto. Valentina Castaldini è la nuova coordinatrice di Forza Italia per Bologna. Sarà lei, con un filo diretto sempre ben presente con Anna Maria Bernini, la bolognese presidente dei senatori azzurri, a tessere la tela per trovare il migliore candidato e la migliore squadra per le prossime elezioni comunali per Bologna, previste per la prossima primavera. Abbottonata, come impone la prima giornata fredda dell’anno, la Castaldini che è consigliera regionale, ci spiega la direzione che prenderà la politica del centro destra bolognese: aperture all’impegno civico, compreso il ruolo di Gian Carlo Tonelli, a Fratelli d’Italia, più freddo il rapporto con la Lega sul quale pesa la doppia sconfitta di Lucia Borgonzoni per Palazzo D’Accursio e per la Regione. Rimbalza il nome di Giancarlo Pizza, ex presidente dell’Ordine dei medici, che due anni fa radiò l’allora assessore Sergio Venturi dall’albo dei camici bianchi, prima di essere smentito dalla giustizia. Un nome caldo, ma non il solo.    



SAN MARINO: Bar e ristoranti continuano a stare aperti, “Abbiamo pochi ricoveri” | VIDEO Politica

SAN MARINO: Bar e ristoranti continuano a stare aperti, “Abbiamo pochi ricoveri” | VIDEO

“Si è parlato tanto della movida” a San Marino, ma “la movida non c’è mai stata, e devo dire purtroppo, perché in fase ordinaria ci piacerebbe avere un po’ di movida”. È quanto afferma il segretario di Stato alla Sanità della Repubblica di San Marino, Roberto Ciavatta, replicando a chi polemizza sulla scelta del suo governo di mantenere bar e ristoranti aperti dopo le 18 rispetto a quanto avviene oltre confine. “Si sta giocando molto su una battaglia mediatica che non fa bene nessuno”, denuncia il segretario. “Abbiamo pochi locali controllati con le milizie volontarie esterne, con la vigilanza interna e con le pattuglie. Assembramenti non ne abbiamo nemmeno nel pomeriggio, mentre invece in orari pomeridiani in molte città italiane ci sono i grandi assembramenti che preoccupano. Noi non abbiamo grandi luoghi di aggregazione”, spiega l’esponente di governo. Sul fronte sanitario “al momento abbiamo un numero estremamente limitato di ricoveri ospedalieri”, precisa Ciavatta, il quale aggiunge: “Abbiamo semplicemente la necessità, senza dare fastidio a nessuno, di tenere la nostra economia in piedi e di farlo garantendo la sicurezza ai nostri cittadini”. “Il nostro Paese – ricorda il segretario – non fa parte dell’Unione europea, non ha accesso a fondi europei per i ristori e ha una situazione economica e industriale abbastanza critica”.


RIMINI: Candidatura Petitti a comunali 2021, bisticci nel Pd | VIDEO Politica

RIMINI: Candidatura Petitti a comunali 2021, bisticci nel Pd | VIDEO

Da tempo si vociferava della possibile candidatura di Emma Petitti alle prossime elezioni comunali di Rimini e sabato l’attuale presidente dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna ha sciolto le riserve. “Ho deciso di mettere la mia esperienza politica a disposizione della comunità del Partito democratico, del centrosinistra e della città di Rimini per le prossime elezioni amministrative”. Ha annunciato così Petitti l’intenzione di correre per la carica di sindaca della sua città per succedere ad Andrea Gnassi, anch’egli del Pd. Partito che ora è in subbuglio dopo la reazione del presidente provinciale Filippo Sacchetti, per il quale la collega di partito non avrebbe “condiviso né informato di questo suo passo” né lui “né la segreteria regionale del Pd, tanto meno il presidente Bonaccini”. Sacchetti ha usato toni duri. Ha parlato di “voltare la schiena al partito”, di “corsa in solitaria”, di un Pd che “non può fare la Ola” per questa candidatura. Toni che hanno sorpreso il segretario comunale dem, Alberto Vanni Lazzari, il quale racconta un’altra storia: “Sono stato informato dalla stessa Petitti sulla decisione di candidarsi alla carica di sindaco di Rimini. Da tempo si vocifera di probabili candidature, tra cui quella della Petitti, e l’ufficializzazione toglie equivoci e fa chiarezza”. È quanto ha registrato Vanni Lazzari. I consiglieri regionale della Lega hanno chiesto le dimissioni della presidente dell’Assemblea qualora intenda candidarsi alle comunali. Un inizio spinoso per la democratica, già consigliera comunale, deputata e assessora regionale, che non demorde: “Anche in passato ho deciso di assumermi la responsabilità delle scelte, senza attendere i riti della politica. Ci vuole coraggio, chiarezza ed iniziativa personale”, ha detto.


BOLOGNA: Prodi, "servono nuovi leader per battere il populismo" Politica

BOLOGNA: Prodi, "servono nuovi leader per battere il populismo"

"Non ritengo che l'Italia sia per definizione un Paese di destra. È un Paese scombinato, ma non per forza di destra. Qui e ora si tratta di interpretare il Paese nelle sue paure. Mettiamola come vogliamo, ma in America ci sono Democratici e Repubblicani. Per l'Italia ci vorrà qualche leader - e io penso che possa arrivare - capace di capire che non si va da nessuna parte con un uomo da solo, o un partito da solo. E che servono alcune idee forti, meditate, serie". L'ex premier Romano Prodi, intervistato da 'La Stampa', sottolinea la necessità di "un sistema politico riorganizzato attorno a un polo conservatore e a uno riformista. Altrimenti - avverte - avremo sempre qualche 'pezzo' di Trump, di destra o sinistra, che impedisce di essere un Paese normale". "Trump ha contribuito a rendere più cattivo il mondo, ma la tensione contro la democrazia e l'avanzare degli autoritarismi dura da anni. Con la vittoria di Biden ci possiamo concedere un periodo di sosta dalla 'follia' e questo ci consentirà di capire se Trump sia stato soltanto un incidente, che ha approfittato di una deriva della storia, aggravandola", afferma Prodi, che invita a fare attenzione: "Trump ha avuto un'enormità di voti in più rispetto all'elezione precedente. Significa che lui porta avanti qualcosa di profondo che sta dentro l'anima americana. La sua carta forte è stata e resta, l'inquietudine della classe media e bianca americana sul futuro". Tornando all'Italia, "non vedo la partenza degli investimenti che ci preparino al domani", evidenzia Prodi. "Il debito che stiamo accumulando può essere giustificabile ma è pesante. Lo si recupera in due modi: inflazione, che non mi auguro, o crescita molto forte, che auspico. Ma non vedo una riflessione su come invertire la tendenza".


Notizie recenti