Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

politica


GABICCE MARE: Niente secessione dalle Marche, bocciato passaggio a Rimini Politica

GABICCE MARE: Niente secessione dalle Marche, bocciato passaggio a Rimini

Lunedì sera il consiglio comunale di Gabicce Mare, cittadina al confine tra Marche e Romagna, ha bocciato il passaggio del comune dalla provincia di Pesaro Urbino a quella di Rimini. All’interno di una seduta infuocata sono dunque terminate le aspettative del comitato “Gabicce Partecipa” che nelle scorse settimane aveva raccolto circa 500 firme a sostegno di un referendum per passare all’Emilia-Romagna. Secondo il sindaco di Gabicce, Domenico Pascuzzi, il quesito referendario era “pasticciato” e “non ammissibile”. La bocciatura ha generato un grande scontento tra i sostenitori del referendum, tra cui i consiglieri del Movimento 5 stelle che affermano: “Pascuzzi e la sua giunta decidono da soli senza tenere conto dei cittadini”.


IMOLA: Maurizio Martina in città per appoggiare Carmela Cappello | VIDEO Politica

IMOLA: Maurizio Martina in città per appoggiare Carmela Cappello | VIDEO

In vista dell’assemblea nazionale del 21 aprile in cui Maurizio Martina si proporrà alla successione d Matteo Renzi, il segretario reggente ha partecipato all’assemblea regionale del Partito Democratico che si è svolta al Molino Rosso di Imola. Un occhio alla politica nazionale senza tralasciare la situazione locale con Martina giunto a dar manforte alla candidata del Pd Carmela Cappello in vista delle elezioni per il nuovo sindaco


BOLOGNA: Passante di mezzo, Lega, FI e M5S vogliono bloccarlo | VIDEO Politica

BOLOGNA: Passante di mezzo, Lega, FI e M5S vogliono bloccarlo | VIDEO

Fermare il passante di mezzo: l'appello è rivolto al presidente della Repubblica Sergio Mattarella in persona. I neo-parlamentari Lucia Borgonzoni della Lega e Galeazzo Bignami di Forza Italia, insieme al leader bolognese del Movimento 5 Stelle Massimo Bugani, hanno chiesto a tutti i capigruppo in Parlamento di scrivere una lettera al calpo dello Stato per fermare l'ampliamento di tangenziale e autostrada. Sempre insieme M5s, Lega e Fi andranno anche al ministero delle Infrastrutture, a Roma, insieme Fratelli d'Italia e Liberi e Uguali. Fermare l'opera, secondo gli oppositori, è anche una questione di salute


FORLÌ: Il PM assolve la Giunta  Drei, il M5s si oppone | VIDEO Politica

FORLÌ: Il PM assolve la Giunta Drei, il M5s si oppone | VIDEO

Erano  indagati per abuso d’ufficio in concorso assieme ad un dirigente e un tecnico comunale, ma la Procura ha chiesto l’archiviazione. Il fatto risale all’ottobre 2016 quando il sindaco di Forlì Davide Drei e la sua Giunta hanno firmato una delibera in cui affidavano, senza alcun bando o metodo, un incarico esterno di 10.900 euro a Nicola Dall’Olio, geologo parmense che, per molti anni è stato anche capogruppo del Pd di Parma.  I due consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle, Daniele Vergini e Simone Benini hanno già manifestato la loro intenzione, attraverso il legale Antonio Brogliato, ad opporsi all’archiviazione. Cosa che avevano già fatto nell’autunno scorso, dopo la prima richiesta di archiviazione del Procuratore reggente Filippo Santangelo. In quella occasione il gip Giorgio Di Giorgio aveva rinviato al Pubblico ministero il fascicolo. A distanza di qualche mese la Procura ha presentato nuovamente richiesta di archiviazione. Per la Procura, sindaco e assessori, avrebbero assegnato quell’incarico a Dall’Olio in quanto, in qualche modo, succubi di qualche potere esterno forte. Non è chiaro invece come la Procura voglia agire sul dirigente e sul tecnico indagati sempre per abuso d’ufficio.  I consiglieri dei 5 stelle Daniele Vergini e Simone Benini, che firmarono l’esposto in Procura contro quell’incarico ritenuto il prodotto di una «politica clientelare», basata sui favori di partito,  hanno ribadito la loro intenzione di non lasciare morire la cosa qui.


SAN MARINO: Insediati i Capitani Reggenti, in carica sei mesi | VIDEO Politica

SAN MARINO: Insediati i Capitani Reggenti, in carica sei mesi | VIDEO

Insediati, a San Marino, i nuovi Capitani Reggenti che resteranno in carica per sei mesi come previsto dall'ordinamento del Titano. A sedere sugli scranni più alti della Repubblica - eletti tra i 60 membri del Parlamento sanmarinese - Stefano Palmieri e Matteo Ciacci che, con i suoi 27 anni, potrà 'fregiarsi' del titolo di Capo di Stato o di Governo più giovane al mondo superando il cancelliere austriaco, Sebastian Kurz che ne ha poco più di 31. Ogni semestre - il primo aprile e il primo ottobre - si tiene la cerimonia di investitura dei due Capitani alla quale partecipano il Corpo Diplomatico e Consolare accreditato oltre  alle autorità dello Stato. Alla cerimonia hanno partecipato, tra gli altri, monsignor Emil Paul Tscherrig, Nunzio Apostolico e decano del Corpo Diplomatico e Consolare e lo storico, scrittore, e giornalista, Paolo Mieli che ha tenuto l'orazione ufficiale.     "Il semestre che si apre - si legge nel discorso di insediamento di Palmieri e Ciacci - richiama nella Reggenza un preciso dovere, istituzionale e personale, di trasmettere ai cittadini sammarinesi, dentro e fuori dai confini, il proprio calore e la propria vicinanza, confermando la piena volontà di prestare ascolto alle legittime istanze ed assicurando loro il fedele esercizio delle più alte funzioni di Garanti delle Istituzioni". San Marino, viene evidenziato nel testo, "è oggi un Paese che sta modificando la sua fisionomia e trasformando la sua capacità di incidere nei percorsi di crescita e sviluppo delle sue Istituzioni statuali e del relativo comparto economico e sociale. Desideriamo in questo semestre accompagnare il percorso di trasformazione in atto, mantenendo un doveroso equilibrio tra le ragioni delle scelte di prospettiva, insite nell'effettivo rilancio dell'economia reale, e le legittime aspettative di un Paese che sta lentamente uscendo una contrazione economica che l'ha sensibilmente provato. Siamo certi, e nel nostro ruolo super partes manterremo alto il livello d'ascolto nei confronti dei nostri cittadini, che San Marino - concludono - possieda le risorse adatte a gestire un passaggio necessario per il suo nuovo riposizionamento".


Notizie recenti