Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

politica


BOLOGNA: La sardina Santori, "al governo ci sono troppi bombaroli" Politica

BOLOGNA: La sardina Santori, "al governo ci sono troppi bombaroli"

"Non si pensa al Paese ma a personalismi e convenienze elettorali" "La prescrizione è un pretesto, la percezione di chi vede da fuori i palazzi della politica è che non si stia inseguendo una linea politica, ma le prossime elezioni. Ci sono tanti bombaroli all'interno ed è un peccato, non tanto per questo governo, ma perché ancora una volta viene messo in secondo piano il governo e il bene del Paese rispetto a personalismi e a convenienze elettorali". Lo dice Mattia Santori, tra i fondatori delle Sardine, in un'intervista a Repubblica in cui evidenzia: "Noi vogliamo parlare di sistema sanitario, di asili nido, di uguaglianza, non di giochini di Palazzo e di un teatrino della politica che rende le persone sempre più distanti". Con il premier Conte "siamo in contatto, ma chiaramente osservando l'andamento di questi giorni l'incontro con le Sardine non è certo una priorità. Valuteremo nei prossimi giorni", dice Santori. L'abrogazione dei decreti sicurezza "è quello che vorremmo, ma non dipenderà solo da Conte. Sono l'emblema di come si costruisce consenso sulla pelle della povera gente. Poi ribadiremo il tema della democrazia digitale, perché tutti noi abbiamo subito l'odio on line". Sui 5Stelle che oggi scendono in piazza contro i vitalizi, "pensino piuttosto ai decreti sicurezza. Da loro riceviamo solo attacchi, da quando è uscita la foto con Benetton hanno rivelato il terrore che hanno nei nostri confronti, forse l'uscita di Stephen Ogongo dalle sardine romane non è stata casuale", dichiara Santori. "I tanti delusi del M5S guardano con favore alle Sardine. Ma sarà un processo lungo". 


ROMAGNA: Giunta regionale, Forlì e Rimini a secco. Bonaccini rivendica le sue scelte | VIDEO Politica

ROMAGNA: Giunta regionale, Forlì e Rimini a secco. Bonaccini rivendica le sue scelte | VIDEO

Ha suscitato non poche polemiche la composizione della nuova giunta di Bonaccini. In particolare, il tema della scarsa presenza dei rappresentanti delle province romagnole. 9 consiglieri e 2 assessori. Questi sono i numeri romagnoli della nuova assemblea legislativa che, dopo le elezioni dello scorso 26 gennaio, è arrivata alla completa compilazione dopo la presentazione della giunta, annunciata giovedì. Gran parte della Romagna è rimasta a bocca asciutta, due le città rappresentate nella squadra di governo, Ravenna, con il confermatissimo Andrea Corsini e  Cesena, con Paola Salomoni che, si aggiudica l’assessorato all’Università. Fuori invece Forlì e Rimini. I primi a lamentare una scarsa rappresentata sono stati i membri dell’opposizione, con la Lega che, in particolare, ha puntato il dito contro la mancata nomina del medico forlivese Claudio Vicini, che ha portato quasi 4500 voti alla lista Bonaccini Presidente e che pareva essere uno dei principali candidati alla sanità. Ruolo che invece è andato al bolognese Raffaele Donini, già assessore ai trasporti nella passata legislatura. A zero anche Rimini, che dopo 10 anni non avrà più un suo cittadini in assemblea. Qui il nome forte era Emma Petitti, già assessore al bilancio, che ora è stata sostituita dal segretario del Pd ferrarese Paolo Calvano. Venedì Bonaccini è stato in visita a Forlì per inaugurare la nuova mostra di San Domenico e, in attesa della prima convocazione della giunta, il 28 febbraio, ha rivendicato le sue scelte. In particolare quella della nomina di Paola Salomoni all’università, a dir poco inaspettata, vista la lontananza della prorettrice di Cesena dalla bagarre politica.


EMILIA-ROMAGNA: Nuova Giunta, Bonaccini “Competenze e rappresentatività territoriale” | VIDEO Politica

EMILIA-ROMAGNA: Nuova Giunta, Bonaccini “Competenze e rappresentatività territoriale” | VIDEO

La nuova Giunta è una sintesi tra "competenze, rappresentatività territoriale e sensibilità politiche" ha spiegato il Presidente della Regione Stefano Bonaccini alla conferenza stampa di presentazione della squadra di governo. Bonaccini ha fissato anche l’agenda di governo, con la prima riunione il 9 marzo a Parma, capitale Italiana della Cultura, e la seconda a Rimini dove sul tavolo c’è la riqualificazione del fronte mare.  Fra le priorità chiudere entro l’estate i Patti per il Lavoro e il Clima con la convocazione di tutte le parti sociali già nelle prossime settimane. Ma sentiamo le parole del Presidente della Regione.


EMILIA-ROMAGNA: Ecco la nuova giunta Bonaccini, confermati solo Donini e Corsini Politica

EMILIA-ROMAGNA: Ecco la nuova giunta Bonaccini, confermati solo Donini e Corsini

Il presidente rieletto dell'Emilia-Romagna Stefano Bonaccini ha presentato la nuova giunta: oltre al sottosegretario, ci sono sei assessori uomini e quattro donne. Due i tecnici: Paola Salomoni e Mauro Felicori, oltre al vicesegretario della Cgil, Vincenzo Colla. Ecco la squadra del governatore: Davide Baruffi, 45 anni - Sottosegretario alla Presidenza. Elly Schlein, 34 anni - Vicepresidente, deleghe a emergenza climatica e diseguaglianze, Patto per il Clima, Politiche Abitative e giovanili, Cooperazione internazionale, Rapporti Ue. Raffaele Donini, 50 anni - Salute. Vincenzo Colla, 58 anni - Sviluppo economico, Lavoro, Formazione, Green Economy. Irene Priolo, 45 anni - Ambiente, Difesa del suolo, Protezione civile. Andrea Corsini, 55 anni - Mobilità e trasporti, Infrastrutture, Commercio, Turismo. Barbara Lori, 51 anni - Montagna, aree interne, programmazione territoriale, pari opportunità. Alessio Mammi, 39 anni - Agricoltura e agroalimentare, Caccia e pesca. Paola Salomoni, 53 anni - Scuola, università, ricerca, agenda digitale. Mauro Felicori, 67 anni - Cultura e paesaggi. Paolo Calvano, 42 anni - Bilancio, personale, patrimonio, riordino istituzionale. Autonomia: Bonaccini a Sardine, la ‘nostra’ coglie opportunità Sull’autonomia differenziata “rispetto le opinioni delle Sardine” e se ci sarà un confronto su questo tema “comprenderanno che la nostra idea di autonomia non intende togliere qualcosa a qualcuno ma, rispettando la Costituzione, si propone di cogliere le opportunità che derivano da territori differenti”. L'ha detto il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, durante la conferenza stampa di presentazione della nuova Giunta. Per quanto riguarda il futuro del movimento, Bonaccini ha detto: “Non mi permetto di dare consigli alle Sardine. Toccherà a loro decidere che profilo darsi. Hanno dato un contributo straordinario nel dimostrare che le piazze si potevano riempire. Poi hanno contribuito a dimostrare che c’è molta più gente di quello che si pensava che non vuole una politica che incita a rabbia e odio”. Le Sardine “hanno costretto Salvini a cambiare la campagna elettorale”, ha concluso il presidente della Regione.


EMILIA-ROMAGNA: Schlein, priorità clima e politiche sociali | VIDEO Politica

EMILIA-ROMAGNA: Schlein, priorità clima e politiche sociali | VIDEO

"Si tratterà soprattutto di mettere a terra alcune delle proposte su cui ci siamo impegnati durante la campagna elettorale insieme a Stefano Bonaccini e che sono entrate a far parte del programma". Lo afferma Elly Schlein, vicepresidente dell'Emilia-Romagna in pectore dopo l'annuncio di ieri del governatore riconfermato. "Ringrazio molto Bonaccini per questa proposta che mi onora molto", prosegue la record-woman di preferenze eletta tra le file di Emilia-Romagna Coraggiosa. "È una vera innovazione politica e culturale riuscire a coniugare la lotta alle disuguaglianze con le transizioni ecologiche. Il presidente mi ha chiesto un impegno diretto sulle politiche sociali, determinanti per agire contrastando le disuguaglianze, e sul patto per il clima su cui ci siamo impegnati e che andrà costruito come è stato fatto per il 'patto per il lavoro' insieme a tutte le parti economiche, sociali, istituzionali, universitarie, ricerca e associazioni". "È un metodo, quello che vogliamo costruire, per trovare le soluzioni migliori insieme all'emergenza climatica e all'emergenza sociale che colpiscono anche in Emilia-Romagna". "Io credo", ha aggiunto l'ex europarlamentare, riferendosi poi alle Sardine, "che queste piazze meravigliose e trasversali chiedano anzitutto di ritrovare chiarezza della visione".


Notizie recenti