Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

ravenna


In evidenza


BOLOGNA: 'Igor il Russo' condannato all'ergastolo Cronaca

BOLOGNA: 'Igor il Russo' condannato all'ergastolo

Igor il russo è stato condannato all'ergastolo. Il gup Alberto Ziroldi ha deciso il massimo della pena per il killer serbo, al secolo Norbert Feher, processato a Bologna in abbreviato per gli omicidi del barista Davide Fabbri e del volontario Valerio Verri e per altri reati. Feher, dopo una latitanza di otto mesi, è stato arrestato in Spagna a dicembre 2017 e da allora è in carcere a Saragozza. Immobile, apparentemente impassibile. Così Norbert Feher alias Igor Vaclavic avrebbe reagito alla lettura della sentenza del gup Alberto Ziroldi che lo ha condannato all'ergastolo per i delitti italiani: l'imputato l'ha ascoltata collegato in videoconferenza dal carcere di Saragozza in Spagna. "Non ha detto niente, ha solo ringraziato per il lavoro svolto", ha detto l'avvocato Gianluca Belluomini che lo assiste, annunciando appello.


VOLLEY: Congedo amaro dalla Superlega per Ravenna, Siena vince al tie-break Sport

VOLLEY: Congedo amaro dalla Superlega per Ravenna, Siena vince al tie-break

Due ore e undici minuti all’andata; tre minuti in meno al ritorno: le prime due partite di SuperLega tra Consar Ravenna e Emma Villas Siena sono state due autentiche battaglie sportive. Questa volta la spunta Siena che può contare su un Hernandez in stato di grazia: MVP con 35 punti, 7 ace, tre muri e un 51% in attacco e sul sorprendente Van de Voorde, che stampa 15 punti, e Ravenna, invece, che in tutti i fondamentali è praticamente alla pari con gli avversari, si rammarica per la grande occasione sprecata nel secondo set, quando in vantaggio 1-0 e 23-20, presta il fianco alla reazione dei padroni di casa, finendo per far cambiare direzione al match. La vittoria che voleva per finire in bellezza non è arrivata ma questa Consar va salutata, al suo congedo dal campionato, con tutti gli onori: salvarsi in questa SuperLega, rivelatasi molto ostica, con quattro giornate d’anticipo, con tanti pronostici contro, è stato un vero capolavoro. I sestetti Due novità nel sestetto Consar: giocano Elia e Lavia al posto di Russo e Raffaelli. Cichello dà spazio a Giraudo in cabina di regia e alla coppia Cortesia-Van de Voorde al centro: l’opposto Hernandez e gli schiacciatori Ishikawa e Savani completano il sestetto toscano, con Giovi libero. La cronaca della partita La prima accelerata della partita porta la Consar sul +4 (4-8) con la firma di Rychlicki e Lavia, top scorer poi del set con 5 punti a testa. Dopo il time out di Cichello Hernandez e Van de Voorde provano a scuotere i compagni ma la Consar non cala la sua attenzione e la sua intensità e con un attacco molto incisivo (74%) aumenta progressivamente il vantaggio, portando a casa il primo set grazie anche ad un ottimo muro (5 punti) e ai 5 errori al servizio dell’Emma Villas. L’inizio del secondo set vede le due squadre punto a punto, poi un attacco di Rychlicki, un ace di Poglajen e un muro di Verhees mandano Ravenna sul +3 (6-9). Qui Siena ha un sussulto e piazza un break di 4 punti che vale il sorpasso. Rychlicki ripristina subito la parità e apre una nuova fase di punto a punto. Due grandi muri e un ace di Poglajen spingono Ravenna a + 3 (16-19). Sembra fatta con la Consar a quota 23 ma qui sale in cattedra Hernandez che con tre potenti bordate al servizio (e con l’aggiunta di un muro di Cortesia) trascina Siena alla parità. Ravenna prova a scappare all’alba del terzo set con tre punti di Rychlicki ma Siena rintuzza subito il tentativo ancora con Hernandez sugli scudi, poi l’Emma Villas prova a sua volta ad allungare portandosi a +3 (10-7). La Consar prova a ricucire ma Siena regge. A muro e in difesa (bravo Goi in alcuni frangenti) la Consar risale la corrente e si porta in vantaggio (17-18) e due errori di Hernandez la mandano in fuga (17-20). Ma l’Emma Villas non ha alcuna voglia di arrendersi e si riporta sotto (21-22), pareggiando a quota 23. L’appassionante finale è risolto da uno strepitoso muro di Poglajen su Hernandez. Non cambia l’andamento del match nel quarto set con le due squadre a fronteggiarsi punto a punto senza riuscire a prendere margini di vantaggio anche minimi, fino al 10 pari. Qui l’Emma Villas piazza il break di sei punti, con due ace di Van de Voorde, che stordisce la Consar, incapace di opporsi ad un Siena che attinge tantissimo dal suo servizio (4 punti).  E’ Van de Voorde a mettere giù l’ultimo pallone del set. Come all’andata si va al tie-break. E sono le cannonate al servizio di Hernandez, alla fine premiato come MVP, a dare a Siena il primo allungo (6-3), ricucito dalla Consar con la parità a quota 8. Nuovo allungo Siena a +2 e nuova parità a quota 12. Hernandez la chiude a modo suo, con l’ennesimo ace (il settimo) della sua partita. Il commento del coach “Ci è capitato diverse volte in questa stagione di non riuscire a chiudere i set – osserva Gianluca Graziosi, coach della Consar - quando ce n’era l’occasione: è l’aspetto in cui dobbiamo crescere. Ce lo siamo detti tante volte, e ancora non siamo riusciti a fare quel piccolo step quando abbiamo alcuni punti di vantaggio. Dobbiamo lavorare su questo: è vero che questa stagione è ormai finita ma dobbiamo fare tesoro di questo per la prossima annata. Grosso merito comunque a Hernandez che in quei frangenti ha tirato fori alcune battute, non dico imprendibili ma quasi. Ci dispiace chiudere con una sconfitta ma resta il valore di una salvezza che è un grandissimo risultato perché abbiamo lasciato dietro un paio di squadre che erano nettamente più attrezzate di noi: Siena, che nessuno pensava potesse retrocedere, e Vibo che tecnicamente aveva qualcosa più di noi. Onore e merito a questo straordinario gruppo di ragazzi che non hanno mollato mai, sono sempre stati sul pezzo e sono stati anche capaci di offrire spesso una buona pallavolo”. Il tabellino di Siena-Ravenna 3-2 (18-25, 25-23, 26-28, 25-14, 15-12) EMMA VILLAS SIENA: Giraudo 5, Hernandez 35, Van de Voorde 15, Cortesia 6, Ishikawa 10, Savani 7, Giovi (lib.), Marouf, Mattei, Caldelli, Maruotti 11. Ne: Spadavecchia, Vedovotto, Crivellari. All.: Cichello CONSAR RAVENNA: Saitta 4, Rychlicki 25, Verhees 8, Elia 8, Poglajen 15, Lavia 11, Goi (lib.), Di Tommaso, Raffaelli 3, Argenta. Ne: Russo, Smidl, Marchini. All.: Graziosi. ARBITRI: Zavater di Roma e Goitre di Torino NOTE: Durata set: 25’, 28’, 35’, 23’, 17’ tot. 128’. Siena (10 bv, 19 bs, 13 muri, 9 errori), Ravenna (5 bv, 11 bs, 12 muri, 9 errori). Spettatori: 1358 per un incasso di 9109 euro. MVP: Hernandez


BASKET: Ravenna non trema a Jesi, altra vittoria per i giallorossi | VIDEO Sport

BASKET: Ravenna non trema a Jesi, altra vittoria per i giallorossi | VIDEO

A lungo dominante, poi abile a contenere il ritorno di Jesi, infine vittoriosa: l'OraSì Ravenna espugna anche l'UBI Banca Sport Center prendendosi un successo fondamentale in chiave play-off, quello che consente ai bizantini di riagganciarsi a Imola in nona posizione. Pronti via ed è subito Adam Smith a filosofare basket, mano calda e tutt'altro che invisibile per la bellezza di 16 punti nel primo quarto - saranno 32 a fine partita -: splendido il duello con l'ex Rayvonte Rice per una Termoforgia che si rialza dopo il -9 dell'intervallo e se la gioca punto a punto prima del break nel finale di gara con Hairston che sale in cattedra per blindare il 78-88 con cui Ravenna esce vittoriosa dal confronto con l'Aurora.


RAVENNA: Quartiere Sant’Agata, scritte e bivacco ai giardinetti | VIDEO Attualità

RAVENNA: Quartiere Sant’Agata, scritte e bivacco ai giardinetti | VIDEO

Dopo anni in cui non faceva parlare di sé, il quartiere Sant’Agata di Ravenna torna d’attualità dopo che alcuni residenti hanno segnalato come il giardinetto pubblico sia diventato un luogo di spaccio e bivacco. In particolare, la Municipale ha individuato due minorenni che – immortalati dalle telecamere – hanno imbrattato i giochi per bambini. I due, sedici e diciassette anni, accompagnati al comando hanno ammesso di essere i responsabili dei fatti contestati. Ma per Fabrizio Bergonzoni, rimasto ormai l’unico commerciante della zona, il quartiere è tutto sommato tranquillo e vivibile.


Notizie recenti