Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

ravenna


In evidenza

EMILIA-ROMAGNA: Tagli all’editoria, appello al Governo di Alleanza cooperative, File, Fisc e Uspi Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Tagli all’editoria, appello al Governo di Alleanza cooperative, File, Fisc e Uspi

Un appello al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, affinchè non diventino effettivi i tagli ai fondi per l’editoria. Lo portano avanti in una lettera Alleanza delle Cooperative, File, Fisc e Uspi.   Di seguito il testo della lettera. “Chiediamo al Presidente un ripensamento urgente del Governo rispetto ai tagli indiscriminati di risorse del Fondo per il Pluralismo e l’innovazione dell’informazione. I tagli sono previsti in un emendamento all’interno della Legge di Bilancio in discussione e approvazione al Senato. I tagli annunciati avranno effetto dal 2019, con ripercussioni pesantissime su diversi giornali cooperativi e delle altre realtà no profit, e su tutto l’indotto. Crediamo che il Governo e lo Stato debbano invece essere parte attiva e vigile per la promozione e  la tutela del fondamentale diritto ad un informazione plurale, in coerenza con l’art.21 della Costituzione, e non mortificare il pluralismo con tagli così pesanti e repentini. Chiediamo dunque che venga ritirato l’emendamento riferito ai tagli all’editoria e che venga avviato con urgenza un Tavolo di confronto con tutte le categorie impegnate nella filiera editoriale dell’informazione per ricercare, a partire dalla Legislazione attuale, ogni possibile miglioramento sul terreno del rigore, della trasparenza e dell’’innovazione. Confidiamo nell’impegno del Presidente del Consiglio di rinviare i tempi di applicazione di ipotesi di tagli dei Fondi al 2020 per creare le condizioni rapide per un confronto serrato sul merito dei cambiamenti da proporre alla  attuale Legge che potrebbe vederci tutti, parte pubblica, cooperative, privati,  impegnati per costruire nel 2019 soluzioni adeguate ed innovative di sostegno all’intera filiera editoriale. Siamo per un sostegno al pluralismo chiaro e trasparente, ma occorre un lavoro serio e di insieme per evitare conseguenze disastrose sul settore.”


RAVENNA: Inaugurata la pet therapy nella Pediatria dell'ospedale | VIDEO Attualità

RAVENNA: Inaugurata la pet therapy nella Pediatria dell'ospedale | VIDEO

Si chiamano Krisis, Sophia e Mouvy e sono i cani protagonisti del progetto di pet therapy inaugurato dalla onlus “Il Sorriso di Giada” nel reparto di Pediatria dell’ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna. Il servizio, che prosegue da un anno a titolo gratuito per i bambini ricoverati, si sta strutturando sempre meglio anche grazie all’apprezzamento delle famiglie che ne hanno usufruito. A condurre i cani nelle stanze di degenza è l’esperto Mauro Franceschelli, che durante una festa organizzata dall’associazione per i piccoli pazienti, ha raccontato, non senza commozione, la gioia di portare un po’ di spensieratezza e sollievo a chi vive una condizione, anche se temporanea, di malattia.


RAVENNA: Raccolta abusiva di vongole, fermati diversi pescatori Cronaca

RAVENNA: Raccolta abusiva di vongole, fermati diversi pescatori

La Polizia Provinciale di Ravenna ha fermato tre pescatori abusivi, rei di aver raccolto quasi 70 kg di vongole che sarebbero poi finiti sul mercato privi di certificazioni igienico-sanitarie. Gli agenti hanno disposto ai tre pescatori pesanti sanzioni amministrative, il sequestro dell'intero pescato e della barca. Nella rete della polizia sono finiti altri due pescatori abusivi, colti con 50 kg di vongole raccolte irregolarmente nella valle Baiona.



RAVENNA: Cittadini della provincia in protesta "Ridateci i treni" | VIDEO Attualità

RAVENNA: Cittadini della provincia in protesta "Ridateci i treni" | VIDEO

“Il treno è un nostro diritto, difendiamolo” Questo lo slogano con cui i cittadini di Godo si sono presentati alla stazione cittadina per protestare contro la decisione di tagliare drasticamente il numero delle fermate dei treni. Alla base della scelta c’è l’accordo tra enti locali, Regione e Trenitalia, di dare maggiore spazio all’alta velocità nella tratta che va da Bologna a Ravenna. Treni più veloci che però vanno a ignorare tutte le piccole realtà locali della provincia. Centri come Godo, Lugo e Russi, dove tanti pendolari sono stati tagliati fuori da un giorno all’altro e che ora si dicono pronti a portare avanti una class action contro Trenitalia.


Notizie recenti