Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

rimini


In evidenza

RIMINI: Beneficenza bikers, donati 3510 euro ad Arop Attualità

RIMINI: Beneficenza bikers, donati 3510 euro ad Arop

Una raccolta fondi che ha permesso di acquistare e regalare doni e un assegno da 3510,60 euro all'Arop, l'Associazione Riminese Oncoematologica Pediatrica. L'iniziativa ha visto protagonisti un centinaio di motociclisti che, indossando gli abiti di babbo Natale, si sono ritrovati al Presepe di Sabbia di Rimini  per visitare l'allestimento, quest'anno dedicato a Fellini, prima di partire in sella alle moto in direzione Arop. Hanno consegnato diversi pacchi ai piccoli, in un clima di allegria e festa, e il risultato di una raccolta di fondi che ha visto in prima linea il Motoclub Rubicone Bikers 


RIMINI: Maltrattavano anziane, Tribunale di Rimini condanna tre Oss Cronaca

RIMINI: Maltrattavano anziane, Tribunale di Rimini condanna tre Oss

Tre condanne per maltrattamento di incapace e risarcimenti provvisionali alle parti civili per oltre 42mila euro. E' l'esito della sentenza di primo grado del giudice Vinicio Cantarini, emessa questo pomeriggio in Tribunale a Rimini, a carico di tre operatrici Oss della casa di cura privata 'Villa Franca' (di Rimini), diventata un lager per cinque anziane affette da demenza senile. Sculacciate come bambini, insultate e derise, lasciate per ore in pessime condizioni igieniche e chiuse in ripostigli. Le donne venivano anche legate ai polsi e sedate di notte affinché non dessero fastidio. Torture terminate con l'intervento, il 6 dicembre del 2018, dei carabinieri del nucleo operativo di Rimini, coordinati dal pm Davide Ercolani, che con l'aiuto dei colleghi del reparto antisofisticazione e sanità di Bologna avevano chiuso la struttura e arrestato 4 persone. Tra i principali indagati all'epoca c'era Benito Rosa, 78 anni, invalido civile, gestore di fatto della struttura, morto pochi mesi dopo l'avvio dell'indagine. Le tre operatrici socio sanitarie condannate oggi sono Jessenia Lissette Quispe Soto, 38 anni, peruviana (2 anni e 8 mesi), Maia Kavaviashvili, 51enne di origine georgiana (2 anni e 4 mesi) e Maria Carlotta Re, anche lei 51enne, di Rimini (2 anni). Una quinta persona, un'operatrice socio sanitaria di 31 anni, rumena, è stata invece assolta con formula piena. Ventimila euro di provvisionale, dei 42mila totali, è stata stabilita dal giudice per una delle donne, la più vessata delle cinque, affetta da demenza senile, imbottita di tranquillanti, picchiata e per punizione costretta a rimanere d'estate per ore al sole. Novecento euro, oltre a 1.800 di spese, sono stati invece accordati all'associazione pensionati della Cgil, costituitasi parte civile nel processo


RIMINI: Denunciato ricettatore trovato con la refurtiva | FOTO Cronaca

RIMINI: Denunciato ricettatore trovato con la refurtiva | FOTO

I Carabinieri hanno denunciato un ricettatore 54enne di Novafeltria pizzicato con la refurtiva. L’uomo è stato sorpreso all’interno di un’officina mentre rovistava il banco dell’ufficio. Il sospettato è stato bloccato e perquisito però con esito negativo. All’interno dell’autovettura sono stati trovati tosaerba, motoseghe, pinze, forbici da potatura ecc. di cui l’uomo non ha saputo fornire elementi validi circa la provenienza. A quel punto la perquisizione è stata estesa alla sua abitazione, all’interno della quale sono stati trovati parecchi altri attrezzi della stessa specie di quelli rinvenuti nella sua auto. Tutta l’attrezzatura trovata è stata posta sotto sequestro e per l’uomo, un 54 enne residente a Novafeltria, stante i gravi indizi di colpevolezza raccolti è scattata la denuncia per tentato furto e ricettazione.


CATTOLICA: Picchia e terrorizza la madre, 16enne nei guai Cronaca

CATTOLICA: Picchia e terrorizza la madre, 16enne nei guai

Un 16enne di Cattolica, nel Riminese, si trova ora nel centro di prima accoglienza di Bologna, su ordine del Tribunale dei minorenni, con l'accusa di aver ripetutamente malmenato e terrorizzato la madre nell'ultimo biennio. Secondo quanto appreso, il giovane era solito chiedere ripetutamente soldi per uscire o per comprarsi abiti firmati e in caso di diniego scattavano le violenze. In più casi la donna è dovuta ricorrere alle cure dei sanitari. Alla fine la mamma ha chiesto aiuto ai carabinieri che dopo le opportune verifiche hanno eseguito il provvedimento di custodia cautelare.


CALCIO: Romagna flop in serie C, la classifica adesso fa paura | VIDEO Sport

CALCIO: Romagna flop in serie C, la classifica adesso fa paura | VIDEO

Il week-end da tregenda delle romagnole in serie C si è chiuso con un parziale di zero gol fatti e undici incassati per quattro sconfitte complessive che rendono la classifica un autentico incubo. Dopo lo 0-4 del Cesena col Fano, anche Rimini, Ravenna e Imolese sono andati ko, coi rossoblu che quantomeno non hanno sfigurato nel confronto di Padova perso dopo una prestazione comunque coraggiosa, un gol annullato a Schiavi per fuorigioco e due reti incassate nel finale, quella di Ronaldo alla CR7 con un colpo di testa che sorprende Rossi e la successiva sassata di Mandorlini che archivia la gara dell'Euganeo sul 2-0. Ben diverso il tenore della caduta del Ravenna che non entra mai in partita col Sudtirol, complice un rigore concesso per fallo di Purro su Casiraghi e trasformato da Morosini già all'11' di gioco. La reazione della squadra di Foschi è inconsistente e allora Mazzocchi archivia la pratica con un colpo di testa che bacia il palo alla destra di Cincilla in chiusura di primo tempo. Peggio ancora sta il Rimini: il Piacenza infierisce sul 3-0 sbloccando il match con Paponi al 26' che deposita alle spalle di Sala. Nella ripresa restano inascoltate le proteste degli ospiti per un rigore negato a Nava e allora gli emiliani la chiudono col piazzato di Corradi, prima e col gran destro all'incrocio di Della Latta in pieno recupero lasciando la squadra di Colella tristemente in ultima posizione.


Notizie recenti