Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
sport

BASKET: Che beffa a Brescia, alla Virtus Bologna resta solo la Champions | VIDEO


Una di quelle partite che non si dimenticano, assieme alle ferite che lasciano. La Virtus dice addio ai playoff nella serata più pazza e allo stesso tempo logica, nel modo di riflettere tutte le sue contraddizioni. Riannodando l’infinita trama con Brescia dall’inizio, c’è il 16-0 subito in avvio di partita, 11-0 per rispondere, poi il -15 dell’intervallo, Vitali a comandare con 10 assist ed Hamilton incontenibile, 20 punti nel primo tempo. Sembra finita, invece viene fuori il capolavoro di un terzo quarto perfetto, 31 a 7, Martin toglie luce e idee a Vitali, arrivano 14 punti di vantaggio per i bianconeri all’inizio dell’ultimo giro: il mondo capovolto dalla difesa e dalla palla dentro per Moreira, 18 punti e mai irresistibile come stavolta. Il margine resta di 11 lunghezze a 4’ dalla fine, sarebbe lecito aspettarsi di vedere la nave in porto. Invece il timone si rompe, la Virtus non segna più e Brescia trova in Laquintana l’inatteso profeta dell’ennesimo parziale, con 11 punti segnati dal play e il 12 a 0 che riporta i bresciani davanti. Ora ti aspetti i crollo. Invece Punter tira per vincere, sbaglia, si prende il rimbalzo e in effetti la vincerebbe nonostante il suo 4/19 complessivo. Mancano 4 secondi e il punto di vantaggio per la Segafredo varrebbe altri 40’ di grande tensione contro Trento. Vitali batte la rimessa, si prende l’assist di Hamilton e di tabella non dichiarata punisce la sua ex squadra. A scriverlo apposta, con mano maligna, non sarebbe venuto così beffardo. Ma è un verdetto alla fine meritato da una Virtus in eterna precarietà tra diventare grandi e restare piccoli, di nuovo abbandonata da giocatori chiave come Taylor, Aradori e lo stesso Punter, in definitiva fuori dai playoff. Ora resta la Champions League e l’amarezza, a cui contribuisce il solito post social che ha scatenato i tifosi nel dopopartita, Chalmers, ancora fuori nel turnover assieme a Qvale, che sponsorizza il suo vino. Senza che ci fosse niente a cui brindare.