Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
sport

BASKET: Il ritorno di Belinelli a Bologna già scalda la tifoseria della Virtus | VIDEO

  • Di:
  • 258 visualizzazioni

A Sanremo Laura non c’era, anche se in testa ai singoli più venduti ci sarebbe andata I’ll be missing you di Puff Daddy. Colonna sonora di tanti maori nati o spezzati, mentre a farci ridere pensavano Aldo Giovanni e Giacomo con Tre uomini e una gamba. Era il ‘97 e un ragazzino di 11 anni entrava per la prima volta alla palestra Porelli. Che avesse qualcosa di speciale lo notarono subito, come i suoi primissimi maestri alla Vis, la squadra di San Giocanni in Persiceto dove mamma Iole lo portò a 6 anni. Aveva in testa già allora solo due cose. La prima era tirare, la seconda fare canestro. Marco Belinelli ha varcato di nuovo i cancelli della storica sede bianconera, da giocatore della Virtus. Un’altra volta. Fino al 2023 con una cifra che dovrebbe aggirarsi attorno ai cinque milioni complessivi per i due anni e mezzo. Riprendendo quel cammino interrotto nel 2003 quando 17enne da esordiente in Eurolega era stata l’unica luce prima del crollo finanziario e di categoria. E’ tornato Super Marco, e tutta la città impazzisce canterebbero gli Stadio. Nel bene e nel male. La gioia e gli sfottò dei tifosi bianconeri, la rabbia di quelli bancoblù per un’antica promessa tradita nei giorni dell’inizio dell’avventura Nba, dopo aver vinto lo scudetto e centrato un’incredibile finale di Eurolega in biancoblù. Corre tutto sui social, dove qualcuno butta via la sua maglia Climamio e già indica l’avversario più bersagliato al prossimo derby a porte aperte. A dire il vero corree anche su alcuni striscioni apparsi in città e a Ozzano, dove il Beli si allenava con Marco Sanguettoli nell’attesa. Nulla di goliardico o ironicamente arguto che meriti di essere citato come invece la tifoseria biancoblù ha saputo fare in passato, e al contrario della sana rivalità respirata forte come ai bei tempi in queste ore di Basketcity nuovamente al centro del mondo. Per dirne una, il black friday virtussino, diversi kit in vendita fino a domani, pare abbia subito delle impennate dii vendita straordinarie.
Mentre il Beli si è sottoposto a tampone in attesa della doppietta del suo primo sabato da bianconero di ritorno, con presentazione e visite mediche. “E’ una bella favola. E io non ho mai vinto l’Eurolega” ha detto in un’intervista alla Gazzetta dello sport  l’uomo dell’anello vinto a San Antonio, capace di mettere il suo nome accanto a quello di Larry Bird nell’albo d’oro della gara da tre punti all’All Star Game. Si è detto “fiero dello scudetto” vinto con la Fortitudo e ha sottolineato di tornare in una Virtus dalla “grande organizzazione”, con la presenza di Teodosic a fare da ulteriore motivo trainante. Essere protagonista, questa la cosa principale che l’ha riportato in Italia e a Bologna, lo ha spinto a fare questa scelta che lui stesso definisce “entusiasmante”. Una scarica d’adrenalina per tutto il basket italiano.