Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
sport

BASKET: La Legabasket fissa al 15 maggio la data per la ripartenza | VIDEO

  • Di:
  • 226 visualizzazioni

Rispettando le ipotesi circolate negli ultimi giorni, la Legabasket ha confermato la volontà di chiudere la stagione assegnando lo scudetto e decretando le due retrocessioni in serie A2. Dando per scontato che la ripartenza potrebbe avvenire solo in totale sicurezza. Un qualcosa che oggi non è ancora possibile stabilire né prevedere, ecco perchè la pur non unanime linea della maggioranza dei club avrebbe stabilito come data estrema, oltre la quale non si potrebbe più andare, quella del 15 maggio prossimo. Accorciando poi il residuo di stagione regolare e playoff nei 45 giorni seguenti, per rispettare quindi la data del 30 giugno come naturale scandenza contrattuale dei giocatori, che saranno quindi obbligati a rientrare in Italia quando le condizioni lo consentiranno. Questa la sintesi del confronto che i club hanno avuto in queste ore in video conferenza. Ci sono però alcune società, come già anticipato, che si stanno mettendo di traverso e che spingono per annullare tutta la stagione e non si tratterebbe solo di quelle che si trovano nei bassifondi della classifica. Virtus e Fortitudo sono tra le realtà che vogliono provare a finire la stagione, anche se la convivenza in tempi così ristretti al PalaDozza potrebbe costituire un problema. Vista l’unità di intenti le difficoltà, però, potrebbero essere facilmente superate, partendo dall'inevitabile revisione del calendario. Resta il fatto che si tornerà in campo solo se si potrà giocare a porte aperte e, quindi, quando sarà completamente azzerato il rischio di contagio. Stesso ragionamento per quel che riguarda l'Eurocup. Nel pomeriggio di mercoledì si è tenuta una videoconferenza di Eurolega che (situazione analoga a quella della nostra serie A) ha deciso di prendere tempo per capire se si potrà ripartire portando avanti le competizioni seguendo i format originali. Qui la questione è molto più complessa perché alcune Federazioni hanno già deciso che i loro campionati non ripartiranno e alcuni club stanno vivendo già un periodo di smobilitazione pensando solo al prossimo anno.