Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
sport

BASKET: Nessun dramma per la Fortitudo che si prepara a sfidare Forlì | VIDEO

  • Di:
  • 477 visualizzazioni

Dopo la sconfitta con Treviso e la concomitante vittoria di Trieste con Ferrara, la Fortitudo ha momentaneamente salutato il primo posto. Adesso, per conquistare il vantaggio del fattore campo in tutte le serie dei playoff, ai biancoblù servirà vincere due partite in più rispetto ai giuliani ma le partite da giocare, oramai, sono rimaste soltanto cinque. Calendario alla mano, la prospettiva appare difficile ma non impossibile anche se, allo stesso tempo, la Consultinvest dovrà stare attenta a ciò che accade alle spalle, con un trio di squadre staccate di quattro lunghezze che cercheranno di avvicinarsi ulteriormente ai biancoblù. E tra di esse, Montegranaro verrà a giocarsi lo scontro diretto al PalaDozza alla vigilia di Pasqua. La partita di domenica contro Treviso ha confermato la tendenza della Fortitudo, in certi momenti, a fermare un po' troppo la circolazione della palla e ad attaccare non sempre con decisione il canestro. Situazioni che coach Matteo Boniciolli cercherà di sistemare ed aggiustare, in queste settimane che portano alla post season, con l'inserimento di Teddy Okereafor. Nel frattempo, domani pomeriggio all'Academy Sport Village, l’Aquila biancoblù disputerà una amichevole con l’Andrea Costa Imola, una delle squadre rivelazione di questo campionato. Domenica prossima, invece, la Fortitudo sarà impegnata a Forlì in una gara molto sentita da entrambe le tifoserie e che rappresenta qualcosa di importante anche per i padroni di casa, che vorrebbero ottenere la matematica salvezza senza passare per le sventure altrui.
Ci sono ancora 5 partite per delineare quello che sarà l’assetto della Fortitudo che farà i playoff. Ben sapendo, oltretutto, che fin qui tanto di quello che è stato finirà in cavalleria, visto che i playoff rimetteranno tutto in discussione e potrebbero costringere alla disputa di ben venti parte in meno di due mesi. Praticamente, due terzi di stagione regolare.
Certo, arrivarci con il miglior piazzamento possibile consentirebbe di schivare alcune delle insidie che sono state fatali ai biancoblù nelle ultime due stagioni. Allo stesso tempo, la stessa partita giocata domenica al PalaDozza ha confermato che il fattore campo certamente può essere un elemento di vantaggio determinante ma, alla fine, ciò che più conterà sarà arrivare al massimo della condizione nel momento in cui non si potranno più commettere errori. Ci riuscirono Brescia due anni fa e la Virtus la scorsa stagione. Nessuna delle due chiuse la stagione regolare al primo posto.