Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
sport

BASKET: Ranghi completi per la Fortitudo Bologna con Pietro Aradori | VIDEO


Con la firma di Aradori, arrivata nel pomeriggio di lunedì, la Fortitudo ha completato il suo mercato ed è ufficialmente al completo. Grazie all’arrivo dell'attuale capitano della Nazionale (in attesa del rientro di Datome) e anche ultimo capitano della Virtus, la scelta della formula è quindi ricaduta sul 5+5, che permetterà al club biancoblu sia di non pagare la tassa di 40.000 euro prevista con il 6+6, sia di concorrere al premio italiani, anche se in questo senso la concorrenza è forte e sono diverse le squadre che hanno puntato molto su un roster composto da giocatori italiani di qualità. Per quanto riguarda la composizione del roster, anche quest’anno la coppia formata da Antimo Martino e Marco Carraretto ha puntato sull’esperienza, con un'età media di poco inferiore ai 30 anni. Non c’è nessun rookie e tutti i giocatori firmati hanno un’esperienza in Europa di almeno un anno: il meno esperto è Kassius Robertson, un solo anno in Germania e in Champions League nella scorsa stagione ma con cifre e percentuali di tutto rispetto. Si ripartirà anche da Daniele Cinciarini e Matteo Fantinelli, che dopo diversi anni in A2 da grande protagonista si affaccia per la prima volta nel massimo campionato a 26 anni: da lui si attendono conferme anche nel massimo campionato.
Molto importante anche in tal senso (per togliere un po' di pressione allo stesso Fantinelli) l'ingaggio di Rok Stipcevic, play croato con tanta esperienza in Serie A e capace sia di segnare che di fornire assist. Sotto i tabelloni (con le conferme di capitan Mancinelli e Maarty Leunen) la Fortitudo ha puntato forte, pescando dal mazzo prima il ritorno di Ed Daniel seguito poi (proprio in questi giorni) dall'arrivo di Henry Sims. Corteggiato a lungo dalla Effe, il lungo ex NBA ha giocato in Serie A a Cremona con ottimi risultati e lo scorso anno a Roma in A2 dove ha dominato per lunghi tratti della stagione.
Infine, ciliegina sulla torta, l’acquisto di Pietro Aradori, giunto in Fortitudo per diventarne immediatamente uno dei leaders e principali punti di riferimento. In generale, la squadra sembra molto votata all’attacco e sarà compito di coach Martino trovare un equilibrio tra le due metà campo. Per una neopromossa, si tratta comunque di un mercato di assoluto livello. Il dichiarato obiettivo di salvarsi con tranquillità (guardando anche ai roster della concorrenza) pare ampiamente alla portata della Fortitudo, poi sarà come sempre il campo a parlare e a dire se si potrà puntare a qualcosa di più o se ci sarà da soffrire fino alla fine.