Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
sport

BASKET: Scariolo avvisa la sua Virtus, "Non esistono squadre materasso" | VIDEO


In cerca di una nuova formula per i giorni senza Teodosic, la Virtus soffre ma si porta a casa un successo prezioso contro i francesi di Bourg en Bresse. Che si presentavano all'arena in fiera senza capo allenatore colpito dal covid e  con due sole vittorie in tasca, ma anche il pedigree da seconda miglior squadra dietro proprio i bianconeri nel tiro da tre, con il quale a lungo nel primo tempo hanno condotto le danze e poi nel finale hanno rimesso tutto in discussione. Un successo tormentato e al fotofinish, ma significativo anticipatore di quella che sarà la nuova formula su cui la Segafredo si ricostruirà prima del finale di stagione. Intanto passando dall'atletismo di Isaia Cordinier, che dopo l'assaggio con Reggio è tornato subito a mostrare i suoi imprendibili salti in alto nel momento difficile, 9 punti 5 rimbalzi e 3 assist. E soprattutto dal pieno recupero di Nico mannion, che gioca 13' conditi da qualche buona idea e dalla prospettiva di prendersi il sistema in mano tra qualche partita, potendo contare accanto su certezze incrollabili. Il Pajola di nuovo insuperabile, 7 punti e 9 assist, il Belinelli da 13 a referto sempre nei momenti giusti, l'insostituibile Weems, recuperato in extremis una volta verificata la falsa positività, che alla fine la decide con due triple e i liberi determinanti. Ma soprattutto il Jaiteh continuo di questi tempi, migliore in campo perché padrone dell'area, 15 punti e 8 rimbalzi, giocando insieme nel momento decisivo del match, a cavallo fra terzo  e ultimo quarto, a tessitori. Due lunghi veri per mettere fine alla sofferenza patita da Alibegovic e Sampson, quest'ultimo chiamato presto a cambiare marcia per non diventare un serio problema. Con questa formula che blinda l'area, in un quintetto difensivo in cui ancora una volta non a caso c'è anche Alexander a fare muro, i bianconeri concedono agli ospiti un misero punto in 8', e dal -6 volano sul +11, pensando fosse finit. Bourg, che aveva tirato con 7/12 da tre nel primo tempo, si riaccende sulle 16 palle perse dalla Segafredo e la impegna fino in fondo con Jones e Roos nel finale punto a punto, dove però Jaiteh continua ad avere la meglio sull'ex Trento, Jacorey Williams. Alla fine coach Scariolo sottolinea pregi e difetti, ricordando però come questa in Eurocup nulla possa essere dato per scontato.