Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
BASKET: Si spengono sul ferro le speranze play-off di Ravenna, Jesi vince 69-67
sport

BASKET: Si spengono sul ferro le speranze play-off di Ravenna, Jesi vince 69-67

  • Di:
  • 204 visualizzazioni

Finisce male, con il tiro da tre di Rice a due secondi dalla fine che balla sul ferro ed esce, decretando la vittoria della Termoforgia Jesi, che con il 69-67 sull’OraSì conquista l’ottavo ed ultimo posto valido per i playoff proprio ai danni di Ravenna, che li vede sfumare a causa di due sconfitte in volata nelle ultime due giornate. La stagione dell’OraSì termina con la soddisfazione di una grande Coppa Italia, conclusa al secondo posto, e con il ricordo bellissimo delle vittorie ottenute al Pala Dozza e al Pala Verde, risultati entrambi storici per una pallacanestro ravennate che adesso è stabilmente entrata nella geografia del basket che conta e può guardare con rinnovato ottimismo alla prossima stagione.
Tornando al match di Jesi, grazie ad una gara ottimamente preparata e valorizzata dall’ottima marcatura studiata su Marquis Green, l’OraSì ha sempre condotto per metà gara, nonostante la Termoforgia esibisse un Marini baciato dalla sorte ed un Rinaldi che ha spadroneggiato a rimbalzo quando Grant era in panchina a rifiatare. Il match, però, ha preso una piega negativa e a questo punto decisiva nel terzo quarto, perché Ravenna non ha letteralmente più trovato la strada del canestro e con un parziale di 17-4 i padroni di casa hanno ribaltato la partita, anche con alcuni fischi discutibili esibiti dalla terna. L’OraSì, però, non  ha mollato e nell’ultimo quarto è tornata a contatto di Jesi, mentre infuriava la battaglia e dominava un comprensibile nervosismo che rimpiccioliva il canestro per tutti. Le buone difese dell’OraSì consegnavano a Ravenna la possibilità di pareggiare o addirittura vincere sull’ultimo attacco: Rice sceglieva la seconda soluzione ma la palla beffava lui e la squadra di coach Martino,  sostenuta in modo ammirevole per tutto il match dai 130 arrivati dalla Romagna e che hanno applaudito i giocatori in canotta rossa alla fine, nonostante la comprensibile amarezza.

Il dopo partita
Antimo Martino: “Faccio i complimenti a Jesi che ha vinto una partita che si è dimostrata come era facilmente prevedibile molto nervosa e che è stata decisa da episodi. Inspiegabile il nostro terzo quarto, perché abbiamo segnato solo dalla lunetta subendo l’aggressività di Jesi prima di tornare a giocare nell’ultima frazione. Bisogna essere onesti e riconoscere che a fine campionato i valori rispecchiano l’andamento della stagione, dispiace non aver raggiunto i playoff ma il secondo posto di Coppa Italia e vittorie come quelle esterne su Fortitudo e De Longhi resteranno nella storia della società. Il limite di quest’anno, probabilmente, è stato quello di non lavorare sempre di squadra ed è successo anche qui dopo due ottimi quarti”.