Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
sport

BASKET: Un secondo tempo in crescita non basta alla Virtus, festeggia Cantù | VIDEO

  • Di:
  • 176 visualizzazioni

Una crisi che non si risolve, quella della Virtus. A Cantù la quinta sconfitta subita nelle ultime sei partite racconta anzi nuovi passi indietro, sul piano del gioco e della compattezza. I bianconeri si consegnano all'avversario lottando poco, facendo tutto ciò che nel piano partita s'era detto di evitare. Difesa molle e attacco con solite percentuali largamente insufficienti, Slaughter che si chiama presto fuori per colpa dei falli che ne condizionano tutta la partita. E d'altronde se il tuo migliore in campo è l'ultimo arrivato, una sola settimana vera in palestra, c'è di che preoccuparsi. Baldi Rossi lotta e colpisce, 10 punti e 5 rimbalzi, dietro c'è poco da salvare. Per esempio gli 11 punti negli ultimi 10', su 21 punti totali segnati da Alessandro Gentile, che ci prova e toglie spazio ai pregiudizi su di lui, anche in termini di condotta di gara. Il problema è che sono folate individuali, con le quali non serve nemmeno cambiare la storia dei finali. Stavolta infatti la Segafredo gli ultimi due quarti li vince, ma solo dopo aver permesso a Cantù di tenere i pugno la partita e di imporre il suo ritmo preferito per 40'. Tenendo i bianconeri sempre a distanza, rendendoli un pugile incapace di entrare davvero nella guardia avversaria. Il tanto temuto Culpepper, 28 punti con 7 su 10 al tiro, s'impone di slancio sulla difesa senza mordente di Lafayette soprattutto, oltre che di Gentile e Umeh. Il nigeriano alza il telepass, anche se perlomeno infila 3 triple nel 29% dall'arco. Cantù, miglior attacco del campionato, vola in contropiede e segna oltre il 60% da due. Impossibile vincere così, anche perché vicino a canestro Crosariol stravince contro Slaughter, e Burns, 17 punti e 12 rimbalzi, alimenta rimpianti di mercato. Ma il problema non è singolo, quanto l'incapacità di tramutare in fatti il lavoro settimanale. Non a caso coach Ramagli torna sulla graticola e la sua posizione è al vaglio di dirigenza e proprietà. Recalcati e Vitucci sono i nomi eventualmente buoni, ci sarà da capire in queste ore quanta convinzione di svolta ci sia veramente.