Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
sport

BASKET: Virtus-Strasburgo per il passaggio del turno in Champions League | VIDEO


Senza sosta, la Virtus è di nuovo in palestra, con vista sulla sfida allo Strasburgo. Adesso conta il fattore PalaDozza. Dopo la vittoria importante contro Cantù, con i francesi secondi in classifica nel girone D, un successo, il sesto in altrettante gare europee, sarebbe l’ultimo passo verso la qualificazione ai playoff, che consentirebbe ai bianconeri di vivere un girone di ritorno senza patemi, potendosi permettere una tranquilla gestione delle energie. Poi, ancora, in Piazza Azzarita per la sfida a Torino, slancio e punti per la classifica, contro una potenziale rivale diretta. Quindi, ancora, dopo la trasferta di Pesaro, un altro faccia a faccia casalingo contro Sassari,, un ciclo di partite, alle quali aggiungere anche la successiva trasferta a Pistoia, che potranno dare benzina e consapevolezza alla Segafredo, assieme a un posto tra le prime otto che andranno alle Final Eight, priomo obiettivo stagbionale in campionato.

Intanto i due punti contro Cantù hanno portato tante buone notizie. Per un gruppo che s’è dimostrato indipendente dalla vena di Punter, e perfino dalla presenza energetica di Martin, che contro il talento dei lombardi sarebbe servito tanto, ma che è mancato di meno grazie alla bravura dei compagni in grado di aggiungere qualcosa al loro gioco e al collettivo. Aradori viene da 64 punti segnati nelle ultime 3 partite, lui e M’Baye stanno risolvendo momenti difficili, mettendoci anche inedite chicche difensive. Pajola sta decollando, Cappelletti non sbaglia i suoi ingressi in campo, Cournooh è una sempre valida sponda difensiva. Mentre Taylor inizia a intendersi a meraviglia a turno con Qvale, ancora non al meglio e comunque da gestire con la sua schiena dolorante, e Kravic, assoluto mattatore dell’ultima gara. Credenziali che potranno crescere ancora portando la Virtus al livello desiderato. Già a un passo dal superamento del turno in Champions e con una fetta di calendario utile per blindare la posizione all’interno delle prime otto che si giocheranno la Coppa Italia.