Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
sport

CALCIO: Poco cinismo per il Bologna, il ko col Toro deve servire di lezione | VIDEO

  • Di:
  • 117 visualizzazioni

Una di quelle partite che fai fatica a spiegare e spiegarti come si potuta finire con una sconfitta. Dominio rossoblu nel possesso passa, 17 tiri contro 8, dodici calci d'angolo tirati. Eppure, Torino uno, Bologna zero. Il giorno dopo fa ancora male, ma nel calcio non è la prima e non sarà l'ultima volta in cui, ad imporsi, è la squadra meno meritevole. Difficile spiegarsi anche come sia possibile che il Toro visto ieri possa occupare la settima posizione in classifica, ma tant'è. Un piazzamento di questo genere, a nostro avviso, lo meriterebbe anche il Bologna, squadra che nonostante l'inadeguato terreno di gioco dello stadio Grande Torino è andata a giocare a calcio in casa di una squadra che qui viene spesso presa a modello come esempio di progetto ambizioso. Le parole e i complimenti, però, non possono bastare. Il Bologna non ha avuto cinismo ed è stato punito, scontando soprattutto la giornata no di Palacio in fase di finalizzazione (è umano, può succedere anche a lui). Poi, non secondario, il capitolo legato all'arbitraggio. Piccinini è partito con personalità ammonendo De Silvestri dopo due interventi da tergo, lì ha scatenato le ire dei granata e perso il polso della situazione. Conduzione di gara casalinga, con due possibili rigori nel secondo tempo che mancano al Bologna. La somma di tutto questo ha prodotto un risultato totalmente ingiusto per quanto si è visto in campo. L’uno a zero non ha rispecchiato valore e rendimento delle due squadre. In sintesi, perdere senza sapere come. Una partita che sicuramente lascia rabbia, rammarico, ma anche la consapevolezza che il Bologna sia sulla strada giusta come ambizione, filosofia e prospettive. Si gioca a calcio, si mettono sotto gli avversari (di qualsiasi livello) si crea e a volte si distrugge, ed è questo forse l’ultimo passo da compiere. Sinisa Mihajlovic, ora, ha la necessità di rendere questa bella squadra anche concreta, probabilmente anche grazie ai nuovi innesti del mercato. Dominguez si è presentato subito bene, Barrow e Ibanez potranno inserirsi e completare un bel meccanismo.