Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
CICLISMO: È un Giro sempre più britannico ma la Romagna ha risposto presente
sport

CICLISMO: È un Giro sempre più britannico ma la Romagna ha risposto presente

  • Di:
  • 141 visualizzazioni

Tappa bagnata, tappa fortunata: lo può dire forte Sam Bennett che sul traguardo allestito all'interno dell'Autodromo di Imola ha sverniciato tutti i propri rivali di volata manco fosse Jonathan Rea a cavallo della sua Kawasaki e si è andato a prendere il secondo successo di questa 101esima edizione del Giro d'Italia dopo il sigillo di Praia di Mare. L'irlandese del Team Bora-Hansgrohe ha così dimostrato il suo splendido stato di forma che fa da contraltare a quello invece tutt'altro che idilliaco di Elia Viviani: l'olimpionico ha visto assottigliarsi il vantaggio nella corsa alla maglia ciclamino ad appena 22 lunghezze. Nessun problema per il leader della corsa, il britannico Simon Yates, giunto al settimo giorno in maglia rosa dopo il trionfo di Osimo. La Romagna, intanto, ha risposto presente come si conviene al passaggio della carovana rosa. La pioggia battente non ha dissuaso i tifosi a presidiare in massa la via Emilia, ispirando anche le gesta di due cesenati doc come Manuel Senni e Manuel Belletti: il primo ha dato vista ad una spettacolare fuga ben lunga 186 chilometri assieme a Maestri, Frapporti, Zhupa e Mosca, un tentativo audace che ha riscaldato i cuori dei tifosi romagnoli mentre invece Belletti è rimasto sino all'ultimo rettilineo in corsa per il successo finale senza però trovare lo spunto per iscrivere il proprio nome nell'albo d'oro di questo giro: "Mi sono mancate le gambe" ha chiosato il velocista dell'Androni Sidermec che può comunque consolarsi con un ottimo settimo posto finale.