Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
MOTORI: Marquez operato di nuovo, mondiale a rischio per lui
sport

MOTORI: Marquez operato di nuovo, mondiale a rischio per lui

  • Di:
  • 417 visualizzazioni

Niente da fare per Marc Marquez: il fuoriclasse della Honda ha sostenuto una seconda operazione chirurgica dopo che si è scoperto che la placca di titanio utilizzata per riparare l'omero del braccio destro aveva subito danni a causa dell'accumulo di stress. In effetti, era parso evidente sin dal principio che la decisione di forzare i tempi del recupero fosse più che rischiosa dopo la brutta caduta nella prima prova stagionale a Jerez: Marquez provò a indossare i panni dell'uomo di titanio e appena tre giorni dopo la prima operazione si presentò ancora sul circuito spagnolo per prendere parte al Gran Premio di Andalusia ma prima ancora di prendere parte alle qualifiche aveva dovuto alzare bandiera bianca e prendere atto che il dolore era troppo forte, calcolando anche i gravi rischi a cui avrebbe esposto sé stesso e gli altri piloti in caso di partecipazione alla gara. Quel che è certo è che adesso l'otto volte campione del mondo sarà costretto a saltare il prossimo gran premio in programma nel week-end a Brno, ma sembra piuttosto probabile che lo stop sia più prolungato con la rinuncia ai due passaggi sul circuito austriaco di Spielberg che chiuderanno il mese di agosto. In tal caso le possibilità di lotta per il titolo sarebbero pressoché azzerate per lui, rimescolando tutte le carte tra gli altri contendenti: chi ha già avanzato una candidatura serissima al ruolo di successore dell'iberico è il francese del team Petronas Yamaha Fabio Quartararo, con la scuderia nipponica che proporrà altre due frecce affilatissime al proprio arco come Maverick Viñales e il rigenerato Valentino Rossi. Anche Andrea Dovizioso ha tutte le credenziali in ordine per competere per l'iride: a differenza di Marquez il forlivese della Ducati ha dato ampie garanzie del proprio stato di salute dopo l'infortunio rimediato nel mese di luglio e adesso potrà giocarsi tutte le sue carte in quella che è a tutti gli effetti un'occasione più unica che rara per laurearsi campione del mondo in MotoGP.