Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
VOLLEY: La Consar Ravenna va a caccia del tris nella Boy League
sport

VOLLEY: La Consar Ravenna va a caccia del tris nella Boy League

  • Di:
  • 157 visualizzazioni

Sono iniziati in tutta Italia i concentramenti a gironi della Boy League, il campionato nazionale di categoria per Under 14 organizzato da Legavolley. La Consar Ravenna di Patrik Bandini ha disputato nei giorni scorsi il primo concentramento ad Assisi tornando a casa con una vittoria sulla Sir Safety Conad Perugia per 2-1 (25-21, 19-25, 20-25) e una sconfitta contro l’Acqua Fonteviva Apuana Livorno per 2-1 (22-25, 25-16, 21-25). Nella terza partita Perugia ha battuto Livorno per cui le tre squadre arrivano appaiate in classifica con 3 punti al secondo concentramento che si terrà domenica 10 febbraio a Massa. Ravenna poi ospiterà il terzo e ultimo concentramento il 24 febbraio alla palestra Montanari.
“Siamo partiti con molti errori durante il primo set contro Perugia – è l’analisi di coach Bandini - ma poi ci siamo ripresi e abbiamo vinto bene, giocando anche una buona pallavolo; nella gara successiva contro Livorno, squadra che mi è parsa più completa da prima e seconda linea, ce la siamo giocata. Rispetto alle altre due squadre poi noi abbiamo schierato nello starting six anche un 2006, Diego Frascio, e abbiamo un solo prestito, Amin Ravaglia dalla Uisp Imola, contro i tre prestiti delle altre due formazioni”.
La formula della boy League – che Ravenna ha già vinto due volte nella sua storia, nel 1997 (era la seconda edizione) e nel 2016 - prevede una finale nazionale a otto squadre: le due finaliste dell’anno scorso, Civitanova e Trento, sono già qualificate di diritto; a loro si aggiungeranno le vincitrici dei quattro gironi, la migliore seconda e la vincente del concentramento tra le tre peggiori seconde.
“L’obiettivo per il concentramento di domenica prossima è ovviamente fare meglio – sottolinea Bandini – con due vittorie ci avvicineremmo alla qualificazione a patto però di sbagliare meno e di essere più continui nel corso delle singole partite”.