Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

In evidenza

EMILIA-ROMAGNA: Domenica si vota, 816 liste e 656 candidati sindaco per le comunali Politica

EMILIA-ROMAGNA: Domenica si vota, 816 liste e 656 candidati sindaco per le comunali

Da Calendasco nel Piacentino a Mondaino nel Riminese, passando per Reggio Emilia, Modena, Ferrara, Forlì e Cesena: sono 816 le liste, a sostegno di 656 candidati sindaco, in corsa nei 235 comuni dell’Emilia Romagna, che domenica 26 maggio dovranno rinnovare i consigli comunali e il primo cittadino. Nel Modenese il maggior numero di comuni al voto (34 su 47, capoluogo compreso); nel Bolognese sono chiamati alle urne i cittadini di 46 comuni (su un totale di 55 complessivi) di cui 9 con oltre 15 mila abitanti Nei comuni con oltre 15 mila abitanti, hanno solo 3 candidati a sindaco Castelmaggiore, Castel San Pietro Terme, San Lazzaro di Savena, Molinella, Argenta, Savignano sul Rubicone, Mirandola, Sassuolo, Scandiano, Bellaria-Igea Marina. I comuni con più candidati a sindaco sono Ferrara (8), Cesena e Modena (7). I comuni con solo 5 liste sono Castelmaggiore, San Lazzaro di Savena e Nonantola. I comuni con più liste sono Reggio Emilia (12), Forlì (13), Modena (14) Cesena (15), Ferrara (17). Infine, tra i comuni con meno di 15 mila abitanti, 15 su 200, è in corsa un solo candidato con una sola lista. Si tratta di: Alseno, Baiso, Besenzone, Calestano, Campagnola Emilia, Castel d’Aiano, Casteldelci, Compiano, Lizzano in Belvedere, Maiolo, Montese, Pianello Val Tidone, San Giorgio Piacentino, Sant’Agata sul Santerno, Talamello. In 6 comuni (Castenaso, Fiscaglia, Riva del Po, Spilamberto, Novellara, Reggiolo) si scontrano 5 candidati e 5 liste. Tutte le liste presenti nei 235 comuni al voto si possono consultare sul sito della Regione Emilia Romagna dedicato alle elezioni, realizzato dall’Agenzia di informazione e comunicazione della giunta regionale con la collaborazione dell’ufficio stampa dell’assemblea legislativa. L’elaborazione dei dati è curata dal servizio statistico della giunta e dalla direzione generale dell’assemblea legislativa emiliano-romagnola.


SAN MAURO PASCOLI: Colpo al bancomat, edificio distrutto e 30mila euro di bottino | VIDEO Cronaca

SAN MAURO PASCOLI: Colpo al bancomat, edificio distrutto e 30mila euro di bottino | VIDEO

Un forte boato che ha fatto scattare gli allarmi e svegliato diversi residenti nella zona, facendo precipitare sul posto Carabinieri e vigilanza notturna. Purtroppo però gli artefici dell’esplosione si erano già dileguati con il bottino, stimato in circa 30mila euro. E’ quanto accaduto questa notte a San Mauro Pascoli, nella filiale di via Roma della Banca di Credito Cooperativo Romagnolo. Tre persone si sono recate presso lo sportello bancario e l’hanno fatto saltare in aria, utilizzando probabilmente la tecnica cosiddetta della “marmotta”, che consiste nel riempire il dispositivo automatico di gas per poi farlo detonare con una semplice miccia. Un'esplosione che, oltre a distruggere completamente il bancomat, ha causato anche danni ingenti a tutta la struttura (stimati in oltre 70mila euro). Le forze dell’ordine hanno ricevuto l’allarma alle 3.20 e si sono precipitate sul posto ma i banditi si erano già dati alla fuga. Ora gli investigatori stanno visionando le immagini di sorveglianza per cercare di carpire elementi utili all’arresto dei colpevoli.


CESENA: Entrare nei computer con la mente, ecco l’app che legge nel pensiero | VIDEO Attualità

CESENA: Entrare nei computer con la mente, ecco l’app che legge nel pensiero | VIDEO

Un’applicazione che legge il pensiero e che ci permette di comunicare con i dispositivi di casa, dal computer al cellulare fino agli elettrodomestici. E’ quello che stanno studiando gli esperti di Cesenalab che hanno già ottenuto degli importanti risultati nel campo della sicurezza digitale. Gli occhi che si chiudono,le orecchie ascoltano le note, il cervello che reagisce alla musica e il dispositivo che capta le onde celebrali e le trasforma in un quadro. Questo uno dei progetti realizzati dagli ingegneri di Cesenalab che hanno dato vita nel 2018 alla start up Vibre. Obiettivo: realizzare dei dispositivi in grado di comunicare direttamente con la nostra mente. In questo campo le applicazioni sono infinite. In questo momento dal laboratorio cesenate si stanno concentrando sull’autenticazione celebrale, che renderebbe obsolete le vecchie password, permettendoci di accedere ai nostri programmi tramite le onde emesse dal nostro cervello. Tutto però è iniziato con la musica.


FERRARA: Calano i reati e arrivano 6,2 milioni per la sicurezza | VIDEO Attualità

FERRARA: Calano i reati e arrivano 6,2 milioni per la sicurezza | VIDEO

La città di Ferrara ha visto una diminuzione dei reati. I dati del primo trimestre di quest’anno elaborati dal Viminale evidenziano un – 0,2% rispetto all’anno precedente. A diminuire sono anche gli stranieri ospiti delle strutture di accoglienza, erano 1.210 a maggio 2018, ora sono 888  con un calo del 26,61%. Notevolmente ridotti, tramite il Decreto sicurezza, i costi per l’accoglienza e i circa 400 milioni di euro risparmiati all’anno, saranno reinvestiti in un piano straordinario di  assunzioni per Forze di Polizia e Vigili del fuoco. Inoltre dal ministero dell’Interno sano arrivati oltre 6 milioni di euro destinati alla provincia per aumentare il livello di sicurezza. 432 mila euro per la videosorveglianza, 1,2 milioni per 17 comuni con meno di 20 mila abitanti, quasi 5 milioni per la manutenzione di scuole e strade e 50 mila euro per il progetto Spiagge sicure sul territorio di Comacchio. Novità anche per la questura di Ferrara, entro aprile 2020 arriveranno 18 nuovi agenti, che incrementeranno il personale. Lo stesso comune rientra poi tra i 100 individuati dal Viminale per il Progetto Scuole Sicure e riceverà per questo 51 mila euro nel biennio 2019-2020.


MELDOLA: Somministrava ai genitori 90enni infusi di marijuana, arrestato 55enne Cronaca

MELDOLA: Somministrava ai genitori 90enni infusi di marijuana, arrestato 55enne

Somministrava ai genitori 90enni, sotto forma di infusi, marijuana al posto delle medicine. Un 55enne, già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti dai  carabinieri di Meldola. Durante la perquisizione domiciliare sono stati rinvenuti 610 grammi di marijuana e due barattoli, per un totale di 500 grammi, di un estratto oleoso della stessa sostanza. Il 55enne è stato anche denunciato a piede libero per maltrattamenti. L’allarme è partito  da una telefonata del fratello e della sorella dopo una accesa lite in famiglia. Il 55enne,  l’unico che convive coi genitori e che doveva occuparsi di loro, somministrava agli anziani droga sotto forma di tisane e li avrebbe anche legati al letto con una rete elastica.


Notizie recenti